Caso Federighi, il M5S punta il dito contro prefettura e procura: intervento in ritardo

Il consigliere regionale Liberati pone una serie di interrogativi e chiede chiarimenti dopo la decadenza dal consiglio comunale del capogruppo di FI

Andrea Liberati (a sinistra)

"Caso Federighi, vogliamo chiarimenti dal prefetto e dal capo della procura della Repubblica di Terni ben sapendo che l'origine di questo disastro è esclusivamente politica". Torna all'attacco il consigliere regionale del M5S, Andrea Liberati, sulla decadenza del capogruppo di Forza Italia, Raffaello Federighi, per l'applicazione della legge Severino, e lo fa con una serie di domande a prefettura e procura. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Come mai la prefettura ha impiegato mesi e mesi per applicare la legge Severino, quando altrove si procede anche prima delle elezioni o subito dopo, una volta nota la lista e/o l'esito elettorale? Perché si dà conto dello screening solo oggi, quasi tre mesi dopo le Amministrative, quando, basta anche qui una ricerchina on line, generalmente le prefetture intervengono con ben altra tempestività? Perché, alla luce della delicatezza della situazione di Terni, la cui amministrazione usciva da indagini e arresti, il Palazzo del Governo non ha celermente reso noto alcunché, contribuendo ad alterare così il risultato delle elezioni e favorendo di fatto un partito e una parte? Cosa è realmente accaduto alla Prefettura di Terni? Come e con quali tempi si è mossa la procura della Repubblica presso il tribunale di Terni? Quali le corrispondenze registrate tra i poteri dello Stato? Si sono avuti problemi informatici? Chi sono gli altri eletti al Comune di Terni condannati penalmente? Chi sono coloro che, tra consiglieri e assessori, hanno procedimenti penali in corso? Oltre alla Severino, ci sono eletti che non rispettano il Codice di Autoregolamentazione, approvato nella scorsa Legislatura dalla Commissione Antimafia? E' normale che una città sfiancata da anni di mala gestione, subisca un'onta permanente, mentre pezzi dello Stato tirano solo oggi alcune rilevanti conclusioni?"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Primario del Santa Maria di Terni positivo al covid-19. Tamponi a tappeto

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento