Consiglio bloccato dai "morosi", Brizi: "Chiedo scusa ai cittadini"

Il consigliere di Forza Italia nella lista dei politici coinvolti: "Due multe che non mi erano state notificate, chi ricopre incarichi pubblici deve dare l'esempio"

Il consigliere comunale di FI, Federico Brizi

Chiede scusa, tanto più in politica, è uno "sport" che praticano in pochi. E così quando qualcuno lo fa, è giusto anche sottolinearlo. "Mi scuso con i cittadini e con il consiglio comunale per aver contribuito a creare questo disagio", dice il consigliere comunale di Forza Italia, Federico Brizi, uno dei membri "morosi" dell'assemblea di palazzo Spada. Il suo nome è finito nella lista insieme ad altri otto colleghi di maggioranza e opposizione per due multe non pagate e la relativa ingiunzione di pagamento per un totale di poco più di 400 euro. 

"Chiarisco - afferma - che per quel che riguarda la mia posizione, si tratta di verbali relativi a violazioni del codice stradale che ho contratto con un'auto a noleggio tra il 2017 e il 2018 e notificate alla società intestataria del mezzo e non a me direttamente. Ho comunque provveduto immediatamente a pagare quanto dovuto. Si tratta di un’imperdonabile dimenticanza e non ho altre questioni in sospeso con la pubblica amministrazione: ho sempre pagato tutto il dovuto. Comunque - ha concluso - è giusto che tutti i cittadini paghino, tanto più chi ricopre o aspira a ricoprire incarichi pubblici, dovrebbe essere di esempio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima di Brizi, e prima che l'elenco dei "morosi" fosse reso noto, soltanto il capogruppo del M5S, Luca Simonetti, era uscito allo scoperto spiegando i motivi per i quali era finito nella "black list" di palazzo Spada. Domani intanto il caso approderà in consiglio comunale con la presa d'atto dell'istruttoria del segretario generale del Comune, Giuseppe Aronica, e dovrebbero così essere resi noti anche i nomi degli assessori coinvolti - rimasti ancora top secret - nei presunti casi di incompatibilità che non riguardano soltanto debiti e pendenze con l'amministrazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Primario del Santa Maria di Terni positivo al covid-19. Tamponi a tappeto

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento