rotate-mobile
Politica

Elezioni a Terni, c’è chi accelera per le primarie del centrosinistra

Per Alternativa Verdi-Sinistra "la migliore scelta democratica”. Il Pd rincara chiedendo di “allargare la coalizione per battere la destra più pericolosa e inadeguata di sempre”

Primarie o non primarie. Sembra questo l’amletico dubbio che sta serpeggiando in quello che può essere definito il fronte del centrosinistra a Terni. A due mesi dal voto, il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle hanno individuato i rispettivi candidati a sindaco per le prossime elezioni amministrative di maggio, frazionando per adesso la coalizione. Nel day after degli incontri tenuti ieri a Terni, con l’assemblea comunale serale al Garden del Pd dove è stata ufficializzata la candidatura di Kenny, il discorso riguardante la possibilità delle primarie per scegliere un candidato unico da presentare alle urne continua a tenere banco. C’è chi accelera e chi frena, e per adesso sembra lontana la decisione finale in merito. 

Tra chi caldeggia per le primarie c’è sicuramente Alternativa Verdi-Sinistra tramite una nota a firma congiunta di Francesca Arca e Federica Porfidi (Avs Terni), Fabio Barcaioli e Gianfranco Mascia (Avs Umbia): “Come rappresentanti del centrosinistra, chiediamo di promuovere immediatamente un'iniziativa basata su proposte concrete per risolvere i problemi della città di Terni. Dobbiamo lavorare insieme per affrontare le sfide che ci attendono, consapevoli che questo è il momento. Non possiamo perdere altro tempo, altrimenti rischiamo di regalare nuovamente la città a una destra incapace di risolvere i problemi”. 

“Come AVS - proseguono - ribadiamo il nostro sostegno al prof. Jose Maria Kenny, che ringraziamo per aver dato la sua disponibilità a partecipare alle primarie del centro sinistra. Proponiamo, a tutte le forze politiche, di metterci subito al lavoro per organizzare le primarie come la migliore scelta democratica e di interazione con la cittadinanza. Le primarie ci permetteranno di scegliere il candidato migliore, quello che può guidare la città di Terni verso un futuro migliore, garantendo così che la voce di tutti i cittadini venga ascoltata e rappresentata”. 

All’appello fa seguito il comunicato del Pd di Terni, che prova a fare il punto della situazione dopo la prima giornata fiume di ieri: “L'assemblea comunale del Pd di Terni, riunita ieri all'hotel Garden, ha deciso con voto unanime e due sole astensioni di dare il pieno sostegno del partito alla candidatura civica del professor Josè Maria Kenny. Il Pd di Terni mette a disposizione di quello che è ora a tutti gli effetti anche il suo candidato la proposta programmatica già elaborata, come contributo al programma che il professor Kenny proporrà alla città.  Il Pd ternano continua ad essere convinto della necessità di allargare il più possibile la coalizione di centro sinistra per battere, a Terni e in Umbria, la destra più pericolosa e inadeguata di sempre e a questo scopo è pronto al confronto con tutte le forze progressiste. Il professor Kenny ha già pubblicamente affermato e ribadito (a lui e soltanto a lui toccava farlo, in quanto candidato civico, non ai partiti che lo sostengono) di essere pronto a un confronto in consultazioni primarie di coalizione previa definizione di una base programmatica e valoriale unitaria e senza preclusioni pregiudiziali, confermando la disponibilità  offerta dal Pd al tavolo regionale tenutosi ieri e finalizzata all’allargamento e rafforzamento della coalizione”.

Nessun segnale - ufficiale - dal Movimento 5 Stelle. Insomma, per saperne di più bisognerà aspettare ancora, mentre il giorno delle urne si avvicina sempre più. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Terni, c’è chi accelera per le primarie del centrosinistra

TerniToday è in caricamento