Terni, per la ripresa post-Coronavirus “più spazio per bar e ristoranti”

Le opposizioni propongono di cambiare il regolamento dell'occupazione del suolo pubblico per favorire le attività del territorio

Una revisione dei regolamenti comunali rispetto all’occupazione del suolo pubblico, per dare più respiro ai ristoranti e ai bar. E’ questa la proposta delle opposizioni in consiglio comunale - M5S, Pd, Senso Civico e Terni Immagina – per supportare le attività del territorio in questa difficile fase di ripresa.
Superare, quindi, i limiti previsti nei regolamenti comunali vigenti per dare risposte concrete agli operatori: "Ad oggi - afsvariati operatori del settore stanno ricevendo dagli uffici del Comune di Terni, risposte non all'altezza rispetto alla sfida economica che stiamo vivendo. Questo non per colpa dei tecnici comunali, ma per colpa di regolamenti che sono costretti a far rispettare, nonostante siano stati pensati per la gestione ordinaria di situazioni ben differenti da quella che stiamo vivendo in questa fase di emergenza Covid-19.

Per questo riteniamo prioritario che tali regolamenti debbono essere rivisti con somma urgenza -  chiedono i gruppi del M5S, Pd, Senso Civico e Terni Immagina - ad oggi secondo il Piano Guida per l’arredo urbano allegato al regolamento Edilizio del Comune di Terni, le superfici massime occupabili per gli esercenti, arrivano fino a 40 mq per i piccoli esercizi, e aumentano in proporzione alla superficie dell’esercizio fino a un massimo di 120 mq.

Questo significa che molte attività che già oggi ricoprono l’estensione massima consentita rischiano di veder dimezzato il numero di coperti su cui fare affidamento, con potenziali gravi ricadute economiche ed occupazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una limitazione che va in antitesi delle spirito degli annunci dell’attuale amministrazione e degli interventi messi in campo dal Governo nazionale per sostenere questo settore strategico. Considerando che la ripresa dell’economia e la necessità di applicare il distanziamento sociale, rende necessario un’elasticità totale nei confronti di quelle attività che faticosamente stanno cercando di rimettersi in piedi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre a Terni: “Il punto vendita di intrattenimento più grande del centro Italia”. Dalle difficoltà del Covid al coraggio di investire

  • Nasce il primo ristorante fantasma in città. L’idea di un giovane ternano: “Voglio contribuire al rilancio del nostro territorio”

  • Donna trans accoltellata di notte nella sua abitazione in via Battisti. Ricoverata al Santa Maria

  • Valigie di droga dal Pakistan a Terni. Decapitata la cupola dei signori dell'eroina

  • Trecento posti di lavoro ma anche una nuova clinica privata: ecco il nuovo Liberati

  • Una gita a Terni che è valsa due multe in un minuto. L'indignazione di un turista: "Mi appellerò al prefetto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento