rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Politica

Tra i due litiganti, spunta Nevi: “Bandecchi non ha bisogno delle mie difese, mi duole che il Pd censuri le opinioni”

Il presidente della Ternana attacca i dem: “Io sono uno gnomo, ma voi siete più bassi di me. Non avete mai fatto mezza delle cose che io ho fatto fino ad oggi”. La replica: “Terni non è una colonia, non ha padroni”. L’intervento del parlamentare di Forza Italia

Tra i due litiganti, spunta Raffaele Nevi. Il parlamentare di Forza Italia, ricandidato alla camera dei deputati, entra nella polemica che da qualche giorno vede su fronti contrapposti il presidente della Ternana calcio, Stefano Bandecchi, e il Partito democratico.

“Miccia” della controversia lo scivolone del patron rossoverde che ha definito il Modena come una “squadra di m**da”. “Ho sempre fatto fare una bellissima figura a Terni” dice in un video Instagram Bandecchi, rivolgendosi poi agli esponenti del Partito democratico che di questo “non se ne sono mai accorti. Se ne accorgono solo ora che ho fatto una bischerata”.

“Quello che ho fatto io per Terni, il Pd non lo ha mai fatto neanche da quando si chiamava partito comunista. Siete troppo bassi per arrivare a un livello come il mio. Io sono uno gnomo, ma voi siete più bassi di me. Non avete mai fatto mezza delle cose che io ho fatto fino ad oggi”.

Il passaggio finale del video è ancora più chiaro: “La prossima volta a Terni il sindaco io so già di che partito sarà, ma forse anche in Umbria. Se votassi a Terni – conferma infine Bandecchi - voterei per Nevi solo perché voi mi avete offeso in maniera brutale e nessuno mi ha mai detto grazie”. 

“Il presidente della Ternana calcio Bandecchi ha fatto il suo endorsement a uno dei candidati in queste elezioni politiche. Libero di farlo – scrive in una nota il Pd comunale e provinciale di Terni - se lui pensa che i colori rossoverdi debbano essere strumentalizzati politicamente, cosa che a Terni e alla Ternana non è mai successa. Quello che invece non è assolutamente ammissibile, e che respingiamo con forza, sono l’aggressione e l’insulto, immotivato e gratuito, per certi versi incomprensibile, a una forza politica, il Partito democratico, che è parte importante della comunità cittadina, che è in campo nella battaglia elettorale con i suoi programmi e le sue proposte, alternative a quelle del candidato di Bandecchi. Un Pd che è l’erede di forze politiche di diverso orientamento, alle cui amministrazioni si debbono realizzazioni fondamentali della città moderna. Bandecchi deve avere rispetto per Terni e i ternani, prima ancora che per gli uomini e le donne del Pd, che tra l’altro sono in gran parte tifosi assidui e disinteressati dei colori rossoverdi. Terni non è una colonia, non ha padroni, non li ha mai avuti, non li avrà. Bandecchi lo impari e impari anche l’educazione, personale e civica".

“Qualcuno mi chiede di rispondere al Pd che ha attaccato il presidente della Ternana calcio, Stefano Bandecchi, per il fatto che ha pubblicamente dichiarato di appoggiarmi alle prossime elezioni. Io non ho nulla da rispondere, e tantomeno Bandecchi ha bisogno della mia difesa”, scrive appunto Nevi in un post Facebook.

“La gente, oggi, vive una enorme difficoltà economica e penso che dovremmo pensare a confrontarci tra di noi su come risolvere i problemi, come creare nuove opportunità di sviluppo e servizi pubblici migliori, come attrarre investimenti, come fare in modo che gli imprenditori che hanno voglia di investire in città lo possano fare nel rigoroso rispetto delle regole e delle leggi. Certamente mi duole che una forza politica importante, che si candida a governare il Paese, possa censurare chi, in modo libero, esprime una opinione. Ci siamo messi alle spalle per fortuna gli anni bui dell’Umbria e di Terni in cui gli imprenditori erano terrorizzati dal farsi vedere con chi non fosse stato organico al partito che ha dominato per oltre 50 anni in Umbria”.

“Ecco – conclude - io mi batterò con tutte le mie forze affinché non si torni indietro. Affinché tutti gli imprenditori, di qualsiasi colore politico, possano venire liberamente a investire in città. Da noi saranno trattati tutti allo stesso modo. Garantiamo che con noi al governo ci sarà una società più libera e più aperta nella consapevolezza che solo una società più libera e aperta può generare quell’ambiente favorevole alla crescita economica e occupazionale di cui abbiamo un enorme bisogno. A Bandecchi esprimo tutta la mia solidarietà ma conoscendolo so che il suo impegno per Terni, di cui è anche cittadino onorario, non conoscerà flessione a causa di questo brutto attacco”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra i due litiganti, spunta Nevi: “Bandecchi non ha bisogno delle mie difese, mi duole che il Pd censuri le opinioni”

TerniToday è in caricamento