E le (ex) stelle non stanno a guardare, Braghiroli e Cozza: il Movimento non esiste più, dimettetevi voi

I consiglieri passati a gruppo misto e Lega replicano alle accuse dei “Grilli Ternani”: accuse strumentali nei nostri confronti, il gruppo consigliare 5S si dissoci pubblicamente da quelle posizioni

Polvere di Stelle. Patrizia Braghiroli e Marco Cozza, passati dal movimento al gruppo misto (l’una) e alla Lega (l’altro) affondano dopo l’attacco subito in un post pubblicato sulla pagina Facebook del “Meetup Grilli Ternani” e rilanciano la battaglia: il Movimento non esiste più.

Nei giorni scorsi gli ex consiglieri 5 Stelle sono stati oggetto di pesanti critiche, arrivate fino al punto di chiedere le dimissioni dal consiglio comunale. “Accuse false e strumentali” mosse da “alcuni attivisti del M5S non ben specificati, in quanto celati dietro il nome del Meetup Grilli Ternani senza autore né responsabile”, dalle quali si sarebbe dissociato anche il gruppo consigliare del M5S che “ha riferito telefonicamente ai sottoscritti di non essere stato messo al corrente dell’intenzione di questi personaggi e di essere contrari a quanto scritto e diffuso, tanto da chiedere la rimozione dello stesso comunicato”.

“Non è sufficiente però la rimozione del post e la timida dichiarazione comparsa ieri in alcuni post, visto che ormai quanto scritto è diffuso in tutto il web e continuano a diffonderlo. No non ci basta! Per cui – scrivono in una nota congiunta Braghiroli e Cozza - chiediamo ufficialmente ai consiglieri comunali del M5S di dichiarare pubblicamente a mezzo stampa quanto a noi riferito telefonicamente e cioè la loro completa estraneità a quanto scritto nella pagina Facebook del Movimento a nome del Meetup Grilli Ternani e di prendere ufficialmente le distanze da attivisti che tendono solo a gettare odio e cattiverie verso chi è stato sempre leale e pronto al confronto”.

La posizione di Braghiroli e Cozza non si ferma però soltanto alla replica. “Vogliamo spiegare inoltre a questi responsabili non bene specificati, per l’ultima volta, nonostante lo abbiamo già fatto molto limpidamente nei nostri comunicati e interviste, che la prima scelta che ha tradito i principi del M5S in cui noi credevamo fermamente, è stata solo ed unicamente la vostra, quando tutto il gruppo ha scelto di accettare, immerso in un terrificante e vergognoso silenzio, le alleanze con chi aveva gettato nel baratro la nostra città e la nostra Regione e contro i quali avevamo tutti insieme, seguendo i nostri principi di cui tanto vi fate autori, combattuto. Quindi, se dovete chiedere le dimissioni, dovete chiederle a voi stessi e ai vostri consiglieri. Noi non siamo stati in silenzio. Noi ci siamo ribellati contro un tradimento che non era possibile accettare. Il M5S non esiste più, il gruppo non esiste più, fatevene una ragione e non attaccatevi agli specchi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Attendiamo e speriamo in una presa di posizione forte, ufficiale e pubblica da parte dei consiglieri comunali del gruppo consiliare M5S riguardo le ingiuste accuse e soprattutto riguardo alla pretesa di dimissioni da parte del loro gruppo di attivisti nella speranza di poter ancora avere un dialogo politicamente costruttivo nel bene dei cittadini e della città. Noi eravamo e rimaniamo disponibili, attendiamo risposta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento