Università a Terni, Filipponi: “La facoltà di Ingegneria mostra difficoltà preoccupanti a livello di iscritti”

Il capogruppo Pd preannuncia un’interrogazione: “Terni è in grande difficoltà. Senza una presenza universitaria qualificata e protagonista dello sviluppo rischia di precipitare in un futuro sempre più incerto”

foto di repertorio

Università e sviluppo della città, elementi imprescindibili per apportare dei benefici, in ottica presente e futura, alla comunità di Terni. Il capogruppo del Partito Democratico Francesco Filipponi, preannunciando un’interrogazione, esprime le proprie preoccupazioni in merito al polo cittadino, focalizzando l’attenzione sulla facoltà di Ingegneria.

“Dobbiamo accogliere con fiducia le notizie che sono arrivate dal magnifico rettore dell'Università di Perugia. Conferma la volontà dell'Ateneo di dare impulso allo sviluppo del Polo universitario ternano” esordisce Francesco Filipponi. “Dopo cinque mesi dalla sua prima importante uscita, ancora non emergono elementi di concretezza necessari e puntuali. Per questa ragione, avendo come gruppo consiliare del Pd proposto da tempo un atto in consiglio, condiviso da tutti i gruppi consiliari, ci saremmo attesi dal sindaco Latini una interlocuzione con l'Università, con riscontri puntuali, così come avevamo chiesto. Finora da parte sua non è pervenuto alcun riscontro”

Il capogruppo Pd rivolge le proprie attenzioni sulla facoltà di Ingegneria la quale: “Mostra difficoltà molto preoccupanti a livello di iscritti. Si tratta di una struttura fondamentale, con professionalità di primo piano e una attività di ricerca che può essere volano di sviluppo per Terni e per l'Umbria, per il nuovo sviluppo industriale e non solo del nostro territorio. Restano altrettanto fondamentali la facoltà di Medicina ed i suoi importanti progetti di ricerca, così come quella di Economia”.

Il consigliere Dem poi aggiunge: “Terni è in grande difficoltà, senza una presenza universitaria qualificata e protagonista dello sviluppo rischia di precipitare in un futuro sempre più incerto e problematico. Per questo nei prossimi giorni presenterò in consiglio comunale anche una interrogazione: è necessario che la città conosca nel dettaglio cosa è stato fatto e cosa no dal sindaco su una materia così importante. E' stato costruito un rapporto organico con l'Università?” si domanda. “Quale è il programma di lavoro? Gli obiettivi fissati? In sostanza: la nuova fase è partita o no?. Se il Polo universitario ternano continua a vivacchiare non solo la sua utilità per la città è irrilevante, ma è a rischio la sua stessa esistenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento