Vendita Acciaierie, il Pd: “Profilo troppo basso, la questione va affrontata a livello nazionale”

Il Coordinamento del Partito democratico ternano sollecita Regione e Comune a fronteggiare in maniera più decisa le vicende dell’Ast

Una vendita che spaventa e da affrontare con decisione, ridando alla siderurgia un ruolo centrale. A intervenire sulle vicende delle Acciaierie ternane è il Coordinamento del Pd ternano che evidenzia come sia necessario, sin da subito, “sollevare la questione a livello nazionale. Esprimiamo vicinanza ai lavoratori, alle organizzazioni sindacali e dal canto nostro come PD di Terni ci siamo già attivati tramite i nostri rappresentanti politici- istituzionali con il Governo Italiano per fronteggiare la vicenda delle Acciaierie. Sollecitiamo il sindaco di Terni e la presidente della Regione Tesei ad uscire da questo profilo troppo basso e farsi promotori delle istanze della più grande fabbrica manifatturiera della regione, ricordando che Ast pesa circa il 15% del PIL dell’ Umbria e il 25% delle esportazioni regionali. 

Chiediamo innanzi tutto a ThyssenKrupp di rendere noto, fin da subito, un eventuale piano di vendita, circoscrivendo e circostanziando in modo puntuale opzioni, possibilità e orizzonti che coinvolgono il sito di Terni. La vicenda di Ast ormai da diversi anni ci impone una seria e rigorosa riflessione su un nuovo ruolo strategico complessivo e generale della siderurgia italiana.

L’Italia è il secondo mercato europeo degli acciai speciali e sempre in Italia abbiamo una fondamentale filiera di produzione e trasformazione degli acciai speciali che coinvolgono centinaia di piccole, medie e grandi imprese elettromeccaniche. Il sito di Terni rappresenta il primo motore produttivo italiano sull’inossidabile e non è più possibile affrontare le crisi in questo comparto solo con una visione contingente e di breve periodo.  Acciai Speciali Terni nel nostro paese è di fatto l’unico sito produttivo di inossidabile totalmente integrato. Anche rispetto alle vicende del Covid-19 appare sempre più chiaro e imprescindibile riscrivere una nuova politica industriale dell’Italia, delineando nuove esigenze e priorità del “Sistema Paese”. Crediamo  che sia fondamentale ridefinire la centralità del ruolo pubblico dello Stato nelle relazioni industriali e con i partner privati ricercando come obiettivo  supremo un più efficiente andamento e radicamento di alcuni processi produttivi che coinvolgono attività essenziali e strategiche, i posti di lavoro, gli indotti tecnologici alcuni dei  quali devono per forza essere presenti nel territorio italiano.

Come PD di Terni crediamo che sia giunto il momento di evidenziare e fare emergere tutte le contraddizioni che si trascinano da troppi anni intorno alle Acciaierie di Terni cercando una soluzione ottimale e di definitiva stabilità del sito siderurgico inserendolo dentro una assoluta strategicità sia nello scenario italiano che anche soprattutto nell’orizzonte continentale europeo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento