Scuola ed elezioni, il calendario in Umbria: stop alle lezioni il 18 settembre, si torna in classe il 24

Confermata per il 14 la ripresa delle lezioni, ma dopo tre giorni ci sarà subito una pausa. La sanificazione degli istituti sarà a carico della Regione. Trasporti, il piano: cento autobus in più ogni giorno

L’anno scolastico 2020 comincia subito con uno stop and go. Confermata la prima campanella per lunedì 14 settembre, le scuole sede di seggio chiuderanno i battenti il 18 per poi riaprire le classi il 24 settembre così da consentire non solo le operazioni di voto ma anche i necessari interventi di sanificazione.

Sono alcuni dei punti stabiliti nel corso di un incontro a Palazzo Donini a cui ha preso parte la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, e al quale hanno partecipato l’assessore regionale all’istruzione Paola Agabiti, l’ufficio di presidenza di Anci Umbria, guidato dal presidente Francesco De Rebotti, e rappresentati di Upi. 

Nel corso della riunione è stata dunque confermata l’apertura delle scuole umbre di ogni ordine e grado il 14 settembre. Le scuole sede di seggio per il referendum e le elezioni amministrative chiuderanno il 18 settembre e riapriranno il 24 settembre, così da consentire le opportune operazioni di sanificazione che la Regione si è impegnata a sostenere finanziariamente per venire incontro alle difficoltà economiche evidenziate dai Comuni.

Particolare attenzione è stata posta al monitoraggio ed alla gestione nelle scuole dell’andamento epidemiologico e della eventuale insorgenza di casi, proprio per garantire la migliore efficacia ed efficienza di tutte le procedure da mettere in campo. Temi sui quali la Regione Umbria è fortemente impegnata in un’ampia opera di informazione, anche attraverso webinar rivolti ai dirigenti scolastici, per garantire una presenza costante di tutti i servizi e un efficace coordinamento dei possibili interventi.

Relativamente ai trasporti è stato infine ribadito l’impegno al potenziamento delle corse del trasporto pubblico locale che consentirà agli studenti di entrare regolarmente alle lezioni senza alcun ingresso scaglionato.

La Regione dell’Umbria, di concerto con gli enti competenti (province, comuni e ufficio scolastico regionale) e le società che gestiscono i servizi di trasporto pubblico ha messo a punto un piano complessivo per consentire a tutti gli studenti umbri delle scuole medie superiori di raggiungere le sedi scolastiche mantenendo gli orari di entrata e di uscita del passato anno scolastico.

In relazione alle specificità dell’organizzazione dei singoli istituti, è stato compiuto ogni possibile sforzo per conciliare le esigenze di trasporto degli studenti con le previste misure di contenimento della pandemia da coronavirus. Si tratta di un rilevante e gravoso impegno finanziario, che prevede la messa in servizio di circa 100 autobus in più ogni giorno, grazie allo stanziamento di tutte le risorse disponibili da parte Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Morte dell’avvocato Proietti, è il giorno del dolore: l’abbraccio della città

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Riaperture domenicali per i negozi e il ritorno a scuola per le II e III medie. L'ordinanza della presidente Tesei

  • Tragedia ad Amelia, ritrovato corpo senza vita di un giovanissimo. Indagano i carabinieri

  • Morte Proietti, l’abbraccio dei colleghi: adunata davanti al tribunale di Terni.

Torna su
TerniToday è in caricamento