menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, le ipotesi per il rientro: lezioni in presenza al 50%, ingressi ed uscite scaglionate. Ma gli studenti non ci stanno

La rivendicazione della rete di Altrascuola: la promessa di un ritorno in presenza è sempre più incerta, servono investimenti su infrastrutture e mobilità per un ritorno in classe sicuro

“È importante che ognuno si prenda la responsabilità di mettere al centro la scuola non solo a parole. Ci si vede il 7 gennaio, in questo senso, non è un semplice augurio, ma una vera e propria rivendicazione per la quale siamo disposti a batterci”.

Lo scorso 23 dicembre, studenti e studentesse delle scuole secondarie di secondo grado dell’Umbria aderenti ad Altrascuola, la rete degli studenti medi dell’Umbria, hanno affisso fuori dai loro istituti cartelloni e volantini con un unico messaggio: ripensare a una scuola migliore in vista del rientro del 7 gennaio. Appunto, “ci si vede il 7 gennaio”.

“La promessa fatta dal Governo negli ultimi mesi di un ritorno in presenza è sempre più incerta – dice Altrascuola in una nota - Già ad oggi il premier Conte ha ritrattato quanto detto in precedenza, affermando che il rientro non sarà effettuato al 75% in presenza come previsto, bensì al 50%”.

“Verso la riapertura, inoltre, la Regione Umbria non ha ancora fatto alcun passo avanti: la proposta di creare due scaglioni di ingresso e di uscita (fra le 8 e le 13 e le 10 e le 15), giustificata con la volontà di evitare assembramenti alle fermate dei mezzi pubblici, è figlia della stessa mancanza di volontà negli investimenti che abbiamo visto a settembre”.

“Vogliamo tornare in una scuola – è la conclusione del ragionamento degli studenti - per la quale sono stati attuati tutti gli investimenti necessari nelle infrastrutture e nella mobilità, al fine di un rientro sicuro che garantisca il nostro diritto allo studio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento