Palcoscenico e cipria: il fantasma del teatro sociale di Amelia

Tutti i grandi teatri hanno il loro 'Fantasma dell'Opera' e Amelia non fa eccezione. C'è Angelino, il simpatico fantasma che scorrazza tranquillo tra un palchetto e l’altro.

Chissà cosa ne pensa Angelino della possibile vendita del teatro sociale di Amelia? Chi è Angelino? È il vero 'proprietario' della struttura, o per meglio dire, è colui che abita da sempre la struttura. Del resto tutti i grandi teatri hanno il loro 'Fantasma dell'Opera' e Amelia non fa eccezione. E se al Teatro Massimo di Palermo si aggira l’anima di una misteriosa suora, nel paesino umbro c'è un simpatico fantasma che scorrazza tranquillo tra un palchetto e l’altro.

Famosissimo tra gli amerini, in molti ne hanno parlato. "Un curioso personaggio è imprigionato nel teatro, per respirare ancora la polvere del palcoscenico, il profumo della cipria, per ascoltare romantiche melodie… e per rimuovere un sipario, quando lo spettacolo non è di suo gradimento. Angelino, il fantasma del teatro, ha preso sul serio la sua parte e la sua recita non è finita", scriveva Igea Frezza su Pagine dell’Umbria.

È stato ribattezzato Angelino dal custode del teatro che ha sempre un gran da fare: quando accende le luci il fantasma le rispegne e quando le spegne, ovviamente, il simpatico spirito le riaccende. Ma non si limita a questo; la leggenda, infatti, narra che Angelino tema il pubblico, ragion per cui si dilegua a ogni spettacolo. Ma non ha paura degli artisti, anzi ama vederli provare e sembra che li segua di nascosto nell'oscurità della platea e tra i palchetti.

"Pare che gli piaccia molto assistere alle prove - scrive Sandra Petrignani nel suo libro 'Care presenze' - e che le segua nascosto nell’ombra nel secondo ordine di palchi. Qualche attore sostiene di averlo visto passare, avvolto nel mantello fino al naso e con un cappello a larghe tese, dietro l’ingresso di platea per salire ai piani superiori, e qualcun altro dice che, quando Angelino si accomoda su questo o quel palco, si libera del mantello con un gesto maestoso, facendolo fluttuare nell’aria e buttandoselo dietro alle spalle".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Leggenda o realtà a tutti piace pensare che Angelino se ne stia lì e che si incipri il naso in quel gioiello costruito dell'architetto Stefano Cansacchi nel 1783. Che esca a farsi una passeggiata godendo della bellissima vista sulla vallata amerina. Vendere e rischiare che cambi casa sarebbe veramente un peccato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento