Ternana, Stefano Bandecchi :"Un gravissimo torto subito dalla squadra e dalla città di Terni"

Nuove dichiarazioni del patron dei rossoverdi. Il CONI riceve il ricorso presentato dalla società di via della Bardesca

E' ufficiale: la Ternana ha depositato il suo ricorso al Collegio di Garanzia. Lo comunica il CONI, mediante una nota diramata nel pomeriggio odierno. Ora ci sarà da attendere quando verrà convocata l'udienza, per capire eventuali sviluppi sull'ormai noto punto D4, relativo ai criteri di ripescaggio. Un passaggio fondamentale, sia per tutelare le proprie valide ragioni che nel riuscire a ripristinare per intero il contenuto del dispositivo pubblicato lo scorso 30 maggio. In tal caso i rossoverdi potrebbero tornare in piena bagarre dopo le tre 'vacanze di organico' ormai ben delineate 

Ternana, dichiarazioni di patron Stefano Bandecchi 

A tal propositivo, intervenendo a Radio Cusano Campus, il patron Bandecchi ha espresso il proprio parere sulla questione ripescaggi "A mio avviso è una situazione estremamente sgradevole e un gravissimo torto che la squadra della Ternana e la città di Terni stanno subendo. Il torto è stato quello di veder cambiare delle regole in corsa e queste regole cambiate in corsa, sono cosi diventate incomprensibili- sostiene- fanno sì che società che non dovevano neanche essere pensate per questo invito al ripescaggio siano poi le prime della fila per poter essere ripescate, società che hanno commesso delle irregolarità, degli illeciti amministrativi e degli illeciti sportivi. Queste situazioni sono state messe alla pari e attraverso due sentenze di due gradi diversi, due decisioni  totalmente incomprensibili per qualsiasi persona di buon senso. Questo è un gravissimo sopruso che non subiremo rimanendo inermi".

Patron Bandecchi ed i possibili scenari 

"Questa situazione non può  passare inosservata. Mi dà molto fastidio, mi fa vedere l’Italia con un prospetto ancora più buio. Mi fa domandare in che mani siamo. Noi faremo tutto ciò che è legalmente possibile per poter controbattere, fino anche a chiedere l’interruzione dell’inizio dei campionati di calcio, sia di quello di serie C sia di quello di serie B. Noi faremo tutto ciò che è possibile per ottenere giustizia. Ritengo che in questo momento sia scoppiata una guerra, una guerra tra chi evidentemente concepisce il mondo in maniera naturale e giusta e chi solo attraverso mille scorciatoie arriva a certi risultati. Uso il termine guerra in maniera voluta. Credo che oggi qualsiasi tipo di situazione sia lecita per poter far valere la nostra ragione. Quando si subisce un torto infame e violento bisogna avere una reazione e la reazione non potrà mai farci passare dalla ragione al torto. Noi avremo sempre ragione nella reazione che stiamo avendo in questo momento e quindi combatteremo questa guerra, come è giusto che sia, fino alla fine con tutti i nostri mezzi"


I criteri sui ripescaggi ed i principi utilizzati rievocando il D4

“C’è un principio chiarissimo e sacrosanto; diceva che le squadre che hanno commesso degli illeciti sarebbero state punite. Ma non  in eterno. Veniva dato un tempo molto regolare. Per un certo periodo a seguito di un illecito commesso non si potevano avere determinati benefici. Non era una cosa così punitiva, non è eterna, non è l’inferno. Ora si è cancellata questa regola: chi sbaglia e fa qualcosa di illecito non sarà più punito nemmeno per un secondo anzi godrà di un beneficio,il ripescaggio. Assurdo. L’illecito, che sia amministrativo o sportivo, ha in maniera diversa una grande gravità: con quello amministrativo mi tengo i soldi in tasca anziché pagarli a chi ha il diritto di averli, per la parte contributiva e stipendiale, e posso fare con quei soldi quello che voglio. Se sono bravo potrei anche guadagnare il triplo dei soldi sul mercato, se so operare in borsa o se so che tipo di operazione fare. Posso trarre un vantaggio, anche di carattere economico, importante, a danno di altri o di tutta la società. Mi sembra chiaro che questo tipo di illecito va comunque sanzionato. Poi c’è l’illecito sportivo: qualcuno che di fatto ha imbrogliato nel risultato del gioco del calcio, della partita svolta sul campo verde. Di cosa stiamo parlando? Possiamo considerarlo lecito? Consideriamo lecito l’atleta dopato che si è fatto di qualche sostanza che gli permette di essere più forte degli altri? No, il dopato viene giustamente  buttato fuori dalla competizione e viene sanzionato per un determinato periodo. Punto- sottolinea - Ora non capisco come possa passare inosservato che il mondo del calcio dopi con il denaro le proprie prestazioni. Qualcuno mi risponde che questo tipo reato è stato fatto anche in passato e da alcune persone non più presenti . È vero, me ne rendo conto. Però mi si dice anche che la Ternana non viene ripescata perché quello che si va a valutare del passato, ciò che si valuta è la società calcistica da quando è nata. Quindi per quanto riguarda le cose sbagliate, fatte male, allora il tempo non conta. Per le cose irregolari si guarda solo quello che è successo negli ultimi 15 minuti, per quanto riguarda le cose positive si guardano gli ultimi 100 anni. Questo non va bene: si guardino gli ultimi 100 anni o gli ultimi 15 minuti di tutta la storia calcistica.  E non mi si dica che “chi c’è ora non ha commesso illeciti”. Va bene, ma anche  nella storia sono stati commessi crimini di guerra che chi comanda ora non rifarebbe ma chi  lo ha fatto mi risulta che per questo tipo di crimine sia stato giustamente punito  per molti anni”.

Ripescaggio e requisiti

"Ritengo che siano stati violentati dei principi fondamentali. Il ripescaggio è un invito da parte della Federazione alle squadre che sul campo non si erano meritate il risultato, tanto è vero che per essere ripescati bisogna pagare anche 700mila euro a fondo perduto. Questo invito non si riceve perché si è belli, bravi e buoni ma perché si rispettano determinate requisiti. Requisiti che c’erano da diverso tempo, tutti ne erano a conoscenza. Noi eravamo i primi della lista, al massimo i secondi. Ci sono tre posti liberi e li abbiamo persi tutti e tre, due dei quali a vantaggio di società che hanno vinto evidentemente una causa, il Novara e il Catania. Ambedue hanno avuto delle problematiche, che non mi riguardano, che oggi non valgono più e che le fanno passare davanti a me. Per una storia fatta di anni, in cui sono state più di me in serie A, in cui hanno avuto più pubblico e tante belle cose. Peccato che nessuno stia più guardando quello che di negativo hanno fatto. Potrei anche dire che si sono succeduti in quelle squadre vari presidenti, vari direttori sportivi, vari allenatori, vari calciatori, varie persone che hanno contribuito a ottenere quei risultati nell’arco della storia calcistica di quella squadra. Queste persone vanno bene finché hanno fatto cose positive. Tutti quelli che hanno sbagliato qualcosa, fosse anche arrivare tardi a uno sportello per pagare un contributo, sono stati cancellati non esistono più nella storia di queste squadre. La Ternana che negli ultimi anni  invece ha sempre lavorato bene, ma ha qualche dato meno brillante, è stata messa dietro"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Principi e giustizia 

"Noi però questa volta lottiamo per la nostra libertà, lottiamo per qualcosa che va oltre la Ternana stessa, lottiamo per un principio di giustizia che deve esistere e non possono venire ogni giorno a fare i maestrini e a raccontarci balle. Noi, qualunque cosa faremi, non penseremo mai di passare dalla parte del torto perché non esiste torto per chi difende la libertà, non esiste torto per chi difende delle cose giuste. Questi principi li porteremo avanti anche se qualcuno imbrogliato farà iniziare i campionati.  Lo faremo perché così in futuro nessuno dovrà subire gli stessi torti. Mi ripeto, che nessuno provi  a farmi da maestrino perché in guerra tutto e lecito e prima prima o poi qualcuno "sanguina". La violenza?"- afferma Bandecchi- "E' nel torto che noi stiamo subendo e come le ho già detto chi si difende non è mai nel torto qualunque cosa accada"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • Coronavirus, nuovo balzo dei ricoverati e cinque decessi. A Terni cresce di cento unità il numero di Covid+

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento