menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ternana, il ritorno di Pasquale Fazio

Un ritorno, gradito quanto inaspettato. La trattativa che ha (ri) portato Pasquale Fazio a vestire la maglia della Ternana, è stata condotta sottotraccia

Decisiva in tal senso la volontà del calciatore di tornare un po' alle origini, in quella compagine che lo aveva lanciato nel mondo dei Pro. Era l’estate del 2011 quando il classe 1989 venne acquistato dalla Fidelis Andria. Dalla delusione della retrocessione fino al ripescaggio, una cavalcata inattesa quanto indimenticabile fino al ritorno tra i cadetti. Ed in quel roster Lito Fazio si ritagliò uno spazio alquanto importante non solo per le 27 presenze all’attivo (ed una rete ndr). Soprattutto perché risultò utilissimo per la sua propensione alla duttilità nel ricoprire le posizioni di centrale e laterale difensivo. Una delle qualità riconosciute da addetti ai lavori e sostenitori oltre alla sua immensa generosità gettata su ogni terreno di gioco. Quattro stagioni in rossoverde, tre cadette per complessive 122 gare ufficiali e tre marcature. L’ultima di queste determinante ai fini della salvezza in quello ‘spareggio’ di Modena dove i ragazzi allenati da Tesser riuscirono a rimontare i canarini e condannarli ai play out. Sono trascorse tre stagioni da allora caratterizzate da forti emozioni e delusioni cocenti. Per il capitano c’è stata la parentesi di Trapani dove ha assaporato l’ebrezza della Serie A, sfumata nella finale del Provinciale contro il Pescara, prima della retrocessione a scapito proprio della Ternana. E dal remake dei Tiromancino, on fire nelle radio italiane ‘Due destini che si uniscono’ fino alla storia a lieto fine raccontata. Chi conosce Pasquale ‘Lito’ Fazio è consapevole dello spessore umano e della professionalità mostrata in ogni componente. Scrivevamo all’inizio: inaspettato. Già perché i media nazionali, molto attenti ai rumors di mercato, stavolta non hanno catturato l’indiscrezione. Ed ecco che a fari spenti il calciatore ha potuto riabbracciare quella casacca mai dimenticata ed ancora più speciale perché profuma di famiglia ed amore

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento