rotate-mobile
Calcio

Ternana-Cosenza, Cristiano Lucarelli sul mercato: “Diversi calciatori hanno scelto di non venire a Terni. Più forti dello scorso torneo”

Il mister alla vigilia del match contro il Cosenza: “Conoscendo le nostre partenze sono sereno. In dieci anni che alleno non ho mai vinto alla prima di campionato”

Una sfida per riprendere il cammino, dopo la brutta sconfitta di Modena. Il tecnico della Ternana Cristiano Lucarelli, intervenendo nella sala stampa del Libero Liberati, ha presentato il match Ternana-Cosenza che si disputerà domani – sabato 3 settembre – con fischio di inizio alle 14. Per il mister anche un giudizio sul mercato, a seguito della chiusura della sessione estiva che ha caratterizzato i mesi di luglio ed agosto.

Focus infortuni: “La situazione non è delle più rosee. Abbiamo avuto nove acciacchi dopo la partita contro la Reggina. Questa settimana, nonostante il grandissimo lavoro del nostro staff, ci sono dei problemi.  Ad esempio Diakite e Coulibaly sono borderline e dobbiamo decidere se prenderci dei rischi oppure no”. I nuovi arrivati?  “Cassata e Mantovani sono a disposizione”.

Ritorno al recente passato e rigore assegnato al Modena. Di chi la responsabilità?: “Facciamo 70 Partipilo e 30 Ghiringhelli. Avevamo preso un gol simile ad Ascoli, in coabitazione tra Palumbo e Celli. In quei precisi momenti la prima giocata deve essere lunga sull’attaccante, se i ragazzi non sono pressati. Al contrario la palla va spedita in fallo laterale”. Secondo portiere e dinamiche di mercato: “Me lo aspettavo? Ni. Abbiamo avuto tanti rifiuti, tra questi c’è Semper, nel ruolo di estremo difensore. Non c’erano comunque grossi specialisti da poter acquistare. Diversi calciatori hanno scelto di non venire Terni”. Il giudizio: “Questa squadra è più forte di quella dell’anno scorso anche se il livello complessivo si è alzato in modo assoluto. La società ha provato a fare il massimo, rispetto a quelle che erano le esigenze. Cercheremo di fare il meglio possibile sapendo che molto passerà dalle condizioni dei ragazzi infortunati o che vengono da infortuni come ad esempio Falletti, Cassata e Coulibaly”.

Principi di gioco e partenza: “Rispetto alla mia mentalità stiamo lavorando su concetti di maggior prudenza, nell’affrontare gli avversari. Conoscendo le nostre partenze che non sono state mai fulminee sono sicuramente sereno. Fornisco un dato a riguardo: non ho mai vinto la prima di campionato in dieci anni che faccio l’allenatore. A mio avviso, in certe circostanze, la squadra non ha la pazienza nel sapere e poter gestire il minutaggio in modo più ampio. Spesso andiamo sotto immeritatamente, alla prima occasione capitata agli avversari. Succede nel calcio. Il problema è quando seppur dominando si va sotto ed il contraccolpo è doppio”

Avversario di turno: “Il Cosenza è una squadra che va spedita anche se, dal punto di vista della qualità, ci sono compagini più forti che lotteranno per la Serie A. Tuttavia i calabresi corrono più di tutte le squadre attrezzate. Inoltre detengono dei giocatori veloci come D’Urso, Brignola, Florenzi. Giocando di pomeriggio, alle 14, con grandi problemi di formazione non sarà affatto semplice”. Infine la visita del presidente: “Con Bandecchi ci parlo quasi tutti i giorni. Una persona intelligente quanto ambiziosa. Vuole costruire una mentalità vincente nel tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ternana-Cosenza, Cristiano Lucarelli sul mercato: “Diversi calciatori hanno scelto di non venire a Terni. Più forti dello scorso torneo”

TerniToday è in caricamento