rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Calcio

Crotone-Ternana, Cristiano Lucarelli: “Abbiamo il dovere di crederci. Gioca Krapikas e con i calciatori stabilisco un rapporto umano”

Il mister a due giorni dalla gara dello Scida: “. Dobbiamo fare il meglio possibile anche perché si lavora in prospettiva”

Residue chance Play Off per la Ternana impegnata – domenica 10 aprile ore 15.30 – sul terreno del Crotone. Il tecnico Cristiano Lucarelli è intervenuto nella sala stampa del Liberati, presentando la sfida dello Scida: “Abbiamo il dovere di crederci sempre, anche se non ci fosse la speranza di fare qualcosa di impronosticabile. Lavoriamo pensando anche al futuro e cercando di migliorarci, in ogni singolo aspetto del mondo Ternana. Un dovere mantenere la fiammella accesa – rimarca il tecnico - seppur a cospetto di un calendario difficilissimo. Dobbiamo fare il meglio possibile anche perché si lavora in prospettiva”.

Una caratteristica del torneo: “Purtroppo, fino ad oggi, gli scontri diretti non ci hanno quasi mai sorriso. Un elemento importante per le valutazioni che andremo a fare. Se valutiamo i risultati ci è quasi sempre andata male. Avrò sbagliato io ma ci potrebbero essere anche ulteriori motivi. La B è il campionato più incerto di quelli professionistici italiani. L’ultima in classifica può andare a vincere in casa della prima. La maggior parte dei presidenti prendono come esempio il Cittadella, poichè offre le maggiori garanzie. Se il Cittadella fa i play off e quest’anno, a 45 punti, potrebbe non rientravi probabilmente siamo di fronte al torneo più competitivo degli ultimi anni”.

La trasferta dello Scida: “Immaginiamoci noi al posto del Crotone. Avremmo vissuto una settimana di pathos con lo stadio Liberati pieno. I pitagorici da anni lanciano calciatori, allenatori, sanno fare calcio. Domenica presumo ci sarà una città a spingere i giocatori alla salvezza”. Le prospettive: “La stagione è stata particolare, sotto tanti punti di vista. La squadra è venuta fuori nel girone di ritorno. A tanti calciatori mancano i duecento chilometri di ripetute. Il prossimo anno avremo questo gruppo, dal primo giorno. Il campionato finisce il 6 maggio ma non andremo in ferie. Restiamo qui, dopo Ascoli ed i calciatori faranno le vacanze come da accordi. Vedremo se cambierà qualcosa con la mancata partecipazione dell’Italia ai mondiali dato che, al momento, è prevista la lunga sosta. Mi auguro che la Lega B faccia i conti di quanti calciatori cadetti parteciperanno alla competizione iridata”.

Sul recupero di Iannarilli e l’utilizzo di Krapikas: “Voglio fare un appunto sulla gara di martedì. Se vogliamo analizzare eventuali responsabilità del portiere lo dobbiamo fare sul secondo gol, a seguito di un tiro leggermente deviato. Se vogliamo analizzare i gol, ad esempio, sul primo abbiamo lasciato libero Coda di calciare. Negli ultimi due anni ha fatto tre partite. Magari non è prontissimo ma è la legge di tutti i secondi portieri. Rappresenta l’estremo difensore del futuro della Lituania. Domenica gioca Krapikas e tolgo ogni dubbio. Con i calciatori a me piace stabilire un rapporto umano”.

Infine focus infortunati: “Agazzi non credo recupererà neppure per il Frosinone. Siamo gli stessi di martedì ma dovremo fare una valutazione su Defendi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crotone-Ternana, Cristiano Lucarelli: “Abbiamo il dovere di crederci. Gioca Krapikas e con i calciatori stabilisco un rapporto umano”

TerniToday è in caricamento