rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Calcio

Ternana, Luca Leone: “Nessun rifiuto ricevuto ed estrema fiducia in Iannarilli”. Il retroscena su Spalluto e Favilli

L'analisi del Direttore sportivo al termine della sessione estiva di mercato

Una conferenza stampa per tracciare un bilancio sulla sessione estiva di mercato, appena conclusa. Il Direttore sportivo della Ternana Luca Leone è intervenuto, nel corso del pomeriggio di oggi – martedì 6 settembre – presso la sala stampa dello stadio Libero Liberati. Le principali dichiarazioni raccolte dalla nostra redazione di www.ternitoday.it.

"Abbiamo cercato di migliorare la squadra, rispetto allo scorso anno, insieme al mister ed allo staff. Siamo ripartiti dal buon girone di ritorno, andando a sostituire i ragazzi che avevano avuto minutaggio inferiore. Siamo andati ad aumentare fisicità e forza. Il campo sarà naturalmente il giudice"Rifiuti?: "Non ne ho ricevuto alcuno.  Ad esempio Bettella (poi finito al Palermo ndr) voleva giocare titolare. Inoltre Benali (acquistato dal Brescia ndr) aveva un problema suo personale. Infine Semper del Genoa non è mai stato sul mercato".

Nodo portiere: "Un argomento che vi sta tanto a cuore. Sostituire Iannarilli non ne vedevo il motivo e ho grande fiducia. Lui è tra i primi dieci della categoria. Ha fatto un grande salto di qualità, lavorando duramente con grande umiltà e non si è mai lamentato. Merita di terminare la carriera a Terni e rappresenta una delle colonne portanti di questa squadra. Va sicuramente rispettato."

Budget a disposizione: "Il presidente non indica dei limiti. Naturalmente ci dice di stare attenti, soprattutto rispetto all'equilibrio del gruppo. A me piace prendere qualche giocatore che viene da annate non brillantissime proprio per rilanciarsi. Due esempi sono Favilli e Cassata. Noi li possiamo aiutare in tal senso e loro possono aiutare noi. Abbiamo alzato il livello dell'allenamento e della competitività".

Conferma dei big: "Per un momento mi hanno fatto pure un po' arrabbiare. Nella prima parte è stato un mercato interno. C'era qualche soffio di vento. Insieme alla società, nel giro di venti giorni, abbiamo sistemato tutto. Partecipare a questo campionato così competitivo deve essere una gioia. Voglio essere il migliore di questo torneo ed ambire a vincere partite contro Parma e Genoa per citare due esempi".

Unione di intenti con Cristiano Lucarelli: "Il mister è livornese e gli piace scherzare. Sa benissimo ciò che dovevamo fare e penso che sia molto contento, poi magari non lo dirà mai". La trattativa più difficile? "Corrado perché noi volevamo acquisirlo a titolo definitivo. Poi c'era il discorso della recompra con l'Inter"-. Capitolo prolungamenti: "Ho lasciato per ultimo Marino Defendi. A breve andremo a cena con il capitano e Mammarella per valutare il da farsi". Un piccolo retroscena sulla conferma di Spalluto, prelevato in prestito dalla Fiorentina: “L’ho messo in difficoltà ed è colpa mia, dopo averlo seguito tanto lo scorso anno a Gubbio. C'è stata l'opportunità Favilli e non potevo mancare l'appuntamento. Il ragazzo aveva dieci richieste in Lega Pro ma alla fine è voluto restare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ternana, Luca Leone: “Nessun rifiuto ricevuto ed estrema fiducia in Iannarilli”. Il retroscena su Spalluto e Favilli

TerniToday è in caricamento