rotate-mobile
Calcio

Ternana, Aurelio Andreazzoli: “Avevo una grande voglia di tornare a lavorare sul campo. Serve il contributo di tutte le componenti”

Presentazione del tecnico nella sala stampa del Libero Liberati: “Ho fatto la scelta giusta. La società è ambiziosa”

Un impegno immediato sullo sfondo per la Ternana, in procinto di affrontare il Cagliari dell’ex indimenticato Fabio Liverani. Nel corso della giornata di oggi, martedì 6 dicembre, si è svolta la conferenza stampa di presentazione di Aurelio Andreazzoli che ha debuttato sulla panchina delle Fere contro il Venezia. Presenti il direttore sportivo Luca Leone ed il vicepresidente Paolo Tagliavento.

Ad inaugurare gli interventi Paolo Tagliavento: “Saluto e ringrazio mister Cristiano Lucarelli per il percorso e i grandi successi che ci ha regalato in questi anni. Ora è tempo di voltare pagina. Quando il Presidente ha chiamato Leone chiedendo il meglio sul mercato la chiamata è durata un minuto e la scelta è subito ricaduta su Andreazzoli”.

Parola poi a Luca Leone: “Nutriamo grande stima nei confronti di Aurelio Andreazzoli. Un tecnico che non ha bisogno di presentazioni e siamo molto contenti di questa scelta. Anche io voglio salutare e fare un ringraziamento a Cristiano, per me è stato un amico. Per mesi abbiamo lavorato insieme tutto il giorno, sono stati anni intensi. Si è interrotto un rapporto professionale ma Lucarelli rimarrà nella storia della Ternana e gli auguriamo il meglio."

Ed ecco dunque Aurelio Andreazzoli che ha spiegato i motivi che lo hanno portato ad accettare la proposta della Ternana: “Fin da subito ho avuto buone sensazioni entrando in contatto con il mondo rossoverde. Credo di aver fatto la scelta giusta nel venire a Terni. Avevo grande voglia di tornare a lavorare sul campo e ho trovato una piazza con grandi ambizioni e progetti importanti. Poi c'è la curiosità personale per vedere se posso ripetere ciò che ho già realizzato in carriera, e vedo dal punto di vista della squadra già la massima dedizione al lavoro. La società ha veramente grandi ambizioni – ha sottolineato il mister - e le voglio realizzare il più presto possibile. Dobbiamo rimanere in alto a giocarsi le nostre chance per ottenere il massimo subito. Per fare ciò serve far esprimere al meglio il gruppo di calciatori che deve arrivare più possibile vicino al 100% di quello che può dare. Pertanto serve il contributo di tutti, dal mio staff, alla stampa, a tutta la città. Voglio raggiungere risultati positivi fin da subito, più che di futuro per ora parliamo di presente guardando una partita alla volta. Peccato non aver portato punti a casa da Venezia dove ho visto una buona prestazione”.

Infrastrutture a disposizione della Ternana: “Di base preferisco lavorare su campi in erba e su campi larghi, comunque l'antistadio è in buone condizioni. Ho chiesto fin da subito di sistemare i terreni in erba di Campomaggio e subito sono iniziati i lavori. Purtroppo a causa della pioggia non ci siamo spostati. Tuttavia resta un'opzione, cosi come anche lavorare in qualche occasione allo stadio. Ho saputo poi del progetto del centro sportivo e mi auguro di poterci lavorare presto”.

Uno sguardo alla riapertura delle liste: “La rosa, come tutte, è migliorabile. Intanto devo impegnarmi a migliorare i calciatori poi il resto spetta a Luca Leone. Per me è importante tornare ad essere prolifici perché spesso ciò sistema tutte le cose. Con il Venezia abbiamo avuto almeno sei palle gol importantissime e sono un buon segnale, anche perché i ragazzi che abbiamo davanti sanno fare gol. Sono davvero soddisfatto della scelta che ho fatto e non ho davvero nessun dubbio sulla decisione che ho preso. Non cerco forzature ma credo che il tempo mi darà e ci darà ragione. Trovo delle somiglianze rispetto ad Empoli, soprattutto come gruppo di lavoro, anche con l'aggiunta di persone importanti come Mammarella”.

Uno sguardo alla gara contro il Cagliari: “Domani sarà una gara di livello, purtroppo abbiamo ancora qualche giocatore fuori come Donnarumma, anche Favilli aspettiamo che rientri al meglio per domenica. Ma non voglio pensare agli assenti, l'importante è che tutti si sentano coinvolti. Ancora non mi voglio sbilanciare sulla qualità dei singoli, però vedo giovani di talento ai quali va data l'opportunità di fare esperienza, come Capanni che è un ragazzo interessante ed è entrato bene a Venezia. "

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ternana, Aurelio Andreazzoli: “Avevo una grande voglia di tornare a lavorare sul campo. Serve il contributo di tutte le componenti”

TerniToday è in caricamento