rotate-mobile
Calcio

Ternana-Modena, due possibili novità di formazione per le Fere. Scontri diretti fondamentali per l’obiettivo salvezza

I rossoverdi scendono in campo allo stadio Libero Liberati con l’obiettivo di accorciare sulle dirette concorrenti

Sette partite al termine del campionato, un obiettivo chiamato salvezza magari evitando i play out. Il match Ternana-Modena è un appuntamento cruciale per entrambe le formazioni. I rossoverdi inseguono le dirette concorrenti, poiché occupano il quartultimo posto della graduatoria. I canarini si trovano a metà del guado: equamente distanti dai Play off e Play out (4 punti). Tuttavia, nelle ultime sedici partite, hanno ottenuto un solo successo.

Il tecnico Roberto Breda valuta due possibili novità di formazione. Al termine della rifinitura in programma domani – venerdì 5 marzo – interverrà in sala stampa per presentare la sfida agli emiliani (12.15). Torna dalla squalifica Lorenzo Lucchesi che verrà riproposto da braccetto sinistro. A completare la retroguardia – davanti a Iannarilli - capitan Capuano e Dalle Mura, il quale potrebbe essere spostato nel ruolo di difensore destro.

Una possibile soluzione per sopperire alla pesantissima assenza di Filippo Sgarbi ed avvicendare Sorensen, apparso in difficoltà in un ruolo poco congeniale. A centrocampo de Boer è il candidato numero uno per sopperire all’assenza di Pyyhtia. Il centrocampista si è sottoposto ad esami strutturali che hanno scongiurato lesioni del ginocchio destro, evidenziando esclusivamente una patologia di basso grado, a carico dei muscoli del compartimento posteriore del ginocchio stesso. Per il resto non dovrebbero esserci novità. Sulle dorsali laterali Casasola e Carboni con Luperini ed Amatucci in mediana. Attacco composto da Gaston Pereiro e Raimondo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ternana-Modena, due possibili novità di formazione per le Fere. Scontri diretti fondamentali per l’obiettivo salvezza

TerniToday è in caricamento