Podismo, domenica la 43° edizione del Circuito dell’Acciaio

La corsa dedicata alla memoria di Libero Liberati

Una manifestazione dal fascino immutabile che si svolge sul tracciato caro al centauro Libero Liberati il quale, su queste strade, costruì il suo mito ed anche il suo destino. Oggi al rombo dei motori è subentrato il fruscio flebile, ma sicuro, del passo dei podisti coperto alla fine del frastuono fresco e stimolante delle maestose Cascate delle Marmore

Edizione numero 43

Domenica 14 ottobre è in programma la 43° edizione del Circuito dell’Acciaio. Una manifestazione organizzata in ogni dettaglio dall’Amatori Podistica Terni e diventata appuntamento irrinunciabile dal 1976 per gli amanti del podismo. Due i percorsi previsti: la competitiva e non di 15,200 km e la 5 km. Come è consuetudine il raduno e l’arrivo è previsto in Piazza Europa. Dopo la cerimonia di benedizione, prevista per le 9,50, con la lettura della preghiera del podista la seguente partenza (ore 10) a Piazza Tacito. A quel punto l’evento entrerà nel vivo fino ad abbracciare virtualmente il parco della Cascata delle Marmore. Il ritorno verso la città dell’acciaio seguendo la statale della Valnerina e tuffarsi nel rush finale. Gli animatori del gruppo ‘Metamorfosi’ saranno protagonisti in piazza Europa per far divertire bimbi e non solo. Una bella domenica di sport sta per arrivare nel nome e nel ricordo di Libero Liberati

40991602_904870643040467_789826262188163072_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento