Dal Tar al Consiglio di stato, la Serie C attende di conoscere il regolamento per la stagione corrente

Il Consiglio di stato ha accolto l'istanza della Lega B concedendo la sospensiva

Si riparte dal punto di partenza, o almeno è presumibile ipotizzarlo. Il Consiglio di stato ha accolto l'istanza della Lega B e di fatto sospeso l'ordinanza del Tar Lazio in merito al format della Serie B 2018/2019. Martedì 30 ottobre il Consiglio Federale sarà chiamato a decidere sul futuro di entrambi i campionati, nonostante le otto giornate già disputate

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Serie B e serie C quale futuro all'orizzonte

Sembra paradossale ma, al momento, la serie C 2018/2019 non conosce il proprio epilogo. Secondo quanto previsto dalle normative NOIF sono quattro le formazioni che potranno accedere al torneo cadetto 2019/2020, quantomeno così avveniva con l'originario format a 22. Ora però, dallo scorso 13 agosto, la B è stata ridotta a 19 formazioni confermando quattro retrocessioni in terza serie. Il problema è il seguente: dalla stagione successiva si tornerà a 22 oppure resterà a 19 o passerà a 20? E' questa la domanda principale alla quale dovrà rispondere il Consiglio Federale convocato da Gabriele Gravina. Le soluzioni sono molteplici. Ipotizzando un ritorno a ventidue, nonostante il decreto del Cds, sarà opportuno procedere con i ripescaggi. Una soluzione, al momento, poco probabile ma non del tutto irrealizzabile. A quel punto le cinque società interessate (Ternana, Pro Vercelli, Siena, Novara e Catania) tornerebbero in corsa. Ci sono da risolvere altre due questioni una collegata all'altra: Entella e Viterbese. I liguri attendono la riammissione ed i laziali il conseguente dirottamento nel girone A. Con una B a venti si potrebbe mettere mano ad un regolamento che necessita di correttivi proprio a seguito del cambiamento di format. Una volta cristallizzato questo aspetto allora qualche nube verrà dissipata. Sei promozioni dalla C 2018/2019 e la riammissione dei diavoli neri come ulteriore ipotesi da prendere in considerazione. E veniamo a quella ormai consolidata delle 19 società in B. A quel punto la decisione dovrà essere adottata in previsione futura. Dalla C potrebbero salire dalle 4 alle 7 società. Fermandoci al primo scenario si resterebbe come ora. Con cinque promozioni la B tornerebbe a venti, a quel punto l'Entella resterebbe fuori. Se il Consiglio federale dovesse riammettere il club del presidente Gozzi allora ci potrebbero essere sei promozioni, come detto in precedenza. Infine con sette si tornerebbe a ventidue dal prossimo torneo in attesa della riforma dei campionati. Un vero e proprio guazzabuglio 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento