Sport

Mondiali di scherma paralimpica, argento per le azzurre del fioretto. Dodici medaglie per l'Italia

Ultima giornata dedicata alla competizione iridata. L’Italia del fioretto conquista la medaglia d'argento: oro alla Cina

Una settimana indimenticabile per la città di Terni. I Mondiali di scherma paralimpica infatti hanno portato migliaia di sportivi, sugli spalti del PalaTerni, garantendo quella visibilità internazionale tanto auspicata. La giornata conclusiva ha regalato un argento a squadre per l'Italia. Dodici le medaglie conquistate: tre ori, quattro argenti e cinque bronzi.  

Le azzurre del fioretto hanno dapprima superato l’Ucraina (45-28) per poi sconfiggere in semifinale l’Ungheria. Dopo un inizio in sordina (2-10) è salita in cattedra Andreea Ionela Mogos che ha dato una netta sterzata alla contesa, andando a concludere l’assalto 15-11. Sulle pedane si sono alternate Bebe Vio e Loredana Trigilia per un conclusivo 45-37 piuttosto combattuto.

La finale del pomeriggio è stata seguita con grande passione, dal numeroso pubblico presente. Le cinesi son partite fortissimo arrivando fino al 25-7. Ad invertire il trend Bebe Vio capace di riportare sotto l’Italia, fino al 30-14. Una rimonta proseguita da Loredana Trigilia che ha chiuso il suo assalto arrivando ad uno strepitoso 35-27, il distacco minimo verificatosi (parziale 13-5 per l'azzurra).

La Cina però ha chiuso gli ultimi due assalti, terminando sul 45-30. Da segnalare che Alessia Biagini ha sostituito Bebe Vio, proprio in chiusura. Al termine della prova tantissimi applausi per tutte le protagoniste. Un’altra giornata di sport vissuta dal pubblico del palazzetto, prima della cerimonia conclusiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondiali di scherma paralimpica, argento per le azzurre del fioretto. Dodici medaglie per l'Italia
TerniToday è in caricamento