menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto On Tv

foto On Tv

Modibo Diakite verso la cessione, Luigi De Canio: "E’ improbabile una ricomposizione"

Il tecnico dei rossoverdi durante la conferenza stampa odierna ha analizzato la situazione legata al centrale rossoverde in procinto di salutare le Fere

Modibo Diakite vs Ternana parte seconda. Dopo aver contribuito alla salvezza dei rossoverdi, nella seconda parte della stagione 2016/2017 ed essere tornato nell'estate scorsa, il difensore sembra ormai destinato ancora una volta a lasciare le Fere. Le dichiarazioni di mister De Canio, rilasciate durante la conferenza stampa odierna, non lasciano spazio ad possibili ripensamenti. Ecco cosa è successo durante il match contro la Giana Erminio dove Diakite è stato sostituito alla pausa.

Mister De Canio su Diakite

"Ha sbagliato un'altra volta ed era già successo in precedenza, per poi essere reintegrato in squadra a seguito di un comportamento poco consono ai regolamenti di spogliatoio nei confronti di allenatore e compagni. Nella prima circostanza era stato escluso dalla convocazione. Successivamente ha chiesto scusa, dopo un chiarimento ed abbiamo accettato. Dal non essere nemmeno convocato ha preso parte alla partita in questione. Quando c'era la necessità di un cambio, (domenica contro la Giana Erminio (ndr) il ragazzo ha avuto un atteggiamento come quello precedente, poco corretto. E' andato un pò fuori dalle regole. Per il momento si allena a parte, poi la società prenderà i provvedimenti necessari. E' improbabile una ricomposizione, dice delle cose che non stanno ne in cielo ne in terra, non accetta le regole dello spogliatoio. E' una situazione da valutare nelle prossime settimane adesso che si apre il mercato. Per me le cose sono molto chiare soprattutto per quello che vedo dai comportamenti. Il ragazzo fa fatica ad accettare e comprendere i modi di stare insieme. Se il giocatore deve contestare sentendosi addirittura vittima, non ci sono le condizioni per mantenere la serenità di un gruppo. Ciò che si è visto agli allenamenti è la situazione al momento. Il ragazzo probabilmente è incompatibile con il mio modo di fare l'allenatore. Non ho intenzione di abdicare o di mollare, ci sono io e decido io per come affrontare questa avventura".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento