Moto Gp, Danilo Petrucci in chiaroscuro: dall'Europa si attende la svolta

La carica di Petrux:"Non vedo l’ora di tornare in pista a Jerez ed iniziare le gare europee”. Si ripartirà ad inizio maggio (domenica 5 la gara) con nuove ambizioni

foto Ducati

Tre GP in archivio, altrettanti sesti posti conquistati per trenta punti totalizzati. Il bilancio di Danilo Petrucci, fin qui, è sicuramente in chiaro scuro. Da una parte il quinto posto parziale nella classifica piloti, la capacità di saper rimontare alle difficoltà iniziate, evidenziate soprattutto negli Stati Uniti, ma anche alcune problematiche emerse nei finali di gara. Il ritmo di Petrux si notevolmente abbassato al debutto in Qatar, anche complice la scelta di utilizzare le gomme morbide. Dopo essere riuscito ad balzare nelle primissime posizioni il calo conclusivo che gli ha impedito di giocarsi quantomeno la top five. Anche a Rio Hondo un trend similare, dal quarto posto conquistato a suon di ottimi giri fino al duplice sorpasso subito Miller e Rins. Infine il Gp di Austin, complicatissimo già dalle prime prove libere, e terminato a ridotto della zona calda. Un bilancio comunque positivo quello tracciato da Petrucci come dichiarato nel post gara

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le dichiarazioni di Danilo Petrucci

“Il sesto posto, al netto delle difficoltà incontrate nei turni di prove, può essere considerato un buon risultato per noi qui in Texas. Chiaramente voglio fare di più, ma abbiamo comunque portato a casa altri punti importanti, mantenendo la quinta posizione nella classifica iridata. È stata una gara lunga e difficile: ad un certo punto stavo recuperando terreno su Dovizioso e Morbidelli ed ho anche pensato di andare a prenderli, ma poi l’anteriore mi si è chiuso un paio di volte ed ho preferito evitare di prendere rischi inutili. In ogni caso sono contento, e la mia squadra ha fatto davvero un grande lavoro: questa non era una pista ‘amica’ per noi, ma credo che siamo riusciti ad ottenere il massimo oggi in gara, ed ora ci aspettano tracciati più favorevoli. Non vedo l’ora di tornare in pista a Jerez ed iniziare le gare europee”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento