menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

MotoGp, Petrucci parte come un razzo ma poi è costretto a rimontare

Australia, gara in salita per il pilota ternano che però incassa quattro punti preziosi e conquista la sesta posizione nella classifica Mondiale | LE IMMAGINI DELLA GARA

Il gran premio dell’Australia con la settima posizione per Jack Miller - che saluta i propri tifosi nel Parc Ferme come primo Independent rider - e con la grande rimonta di Danilo Petrucci che chiude 12° dopo una partenza clamorosa rovinata però da un inconveniente tecnico.

Jack e Petrux sono rispettivamente 6° e 8° in griglia e la loro partenza è fantastica. Alla prima curva, Petrux gira primo e Jack terzo ma Danilo è subito costretto ad uscire di pista per un problema alla frizione. Jack lotta per il podio fino a metà gara poi perde un po’ di contatto. Il pilota australiano prova a spingere per recuperare il gruppo di testa, ma non riesce a chiudere il gap.

Petrux è costretto a tentare una rimonta impossibile dopo essere rientrato in pista ed aver accumulato quasi 20 secondi di ritardo dalla testa. Giro dopo giro riesce a recuperare posizioni e a sei giri dalla fine entra in zona punti. Alla fine Petrux chiude in dodicesimo prendendo 4 punti preziosi che gli permettono di conquistare la sesta posizione nella classifica del campionato del Mondo e rimanere saldamente in corsa per il premio di First Independent rider a 11 punti da Cal Crutchlow. Punti importanti anche per Alma Pramac Racing che a due gare dalla fine detiene un vantaggio di 51 punti su LCR Honda nella classifica riservata ai Team Independent.

È davvero un peccato. Fin dal warm up – commenta Danilo Petrucci - sentivo di avere un grande feeling. Sono andato in pista determinato e ho fatto la mia migliore partenza in carriera. Purtroppo alla seconda curva ho avuto un problema alla frizione. Mi dispiace molto ma queste sono le gare: una volta è il pilota a commettere un errore, un’altra volta è la moto a tradire. Ci rifaremo a Sepang”.

Se devo essere sincero – dice invece Jack Miller - mi aspettavo qualcosa in più, ma sono comunque contento di questo risultato e di essere il primo pilota Independent. Sono partito bene anche se onestamente non pensavo di trovarmi in testa così presto. Nella parte centrale della gara ho cercato di salvare di gestire le gomme ma alla fine non avevo più margini per poter attaccare il gruppo del podio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento