Sport

Sport è lavoro, si può: la storia di Lorenzo grazie a Ternana Rugby e servizi welfare di Palazzo Spada

Il ragazzo, 23 anni, comincia il suo progetto personalizzato di inclusione socio-lavorativa. Ceccotti: esempio da seguire anche da altre società sportive

Da luglio, grazie alla collaborazione tra la Ternana Rugby Club Asd e il sistema dei servizi di accompagnamento al lavoro della direzione welfare del Comune di Terni, Lorenzo, un ragazzo di 23 anni comincerà la propria esperienza lavorativa nella Ternana Rugby Club Asd.

In questo periodo la società di rugby affiliata alla Ternana è impegnata nello svolgimento del campus rossoverde, attività estiva che rientra nel progetto dell’assessorato al welfare del Comune di Terni per i bambini con disabilità e che è realizzata in collaborazione con la Futsal Ternana, la Ternana Marathon e la cooperativa sociale Actl.

E proprio dalle tante attività di supporto propedeutiche allo svolgimento del campus partirà il progetto personalizzato di inclusione socio lavorativa per Lorenzo.

Ieri mattina, al campo San Valentino dove la Ternana Rugby svolge la propria attività in virtù della collaborazione instaurata con la Grs, c'è stato un breve momento di condivisione con le istituzioni.

All’incontro hanno partecipato Elena Proietti, assessore allo sport del Comune di Terni, Cristiano Ceccotti, assessore al welfare, Fabio Moscatelli, delegato Coni di Terni e provincia oltre al personale del servizio welfare del Comune di Terni e ai dirigenti delle diverse società organizzatrici del campus.

All’inizio dell’incontro è stato ricordato Enrico Clementoni, indimenticato dirigente della Grs, che tanto ha fatto per lo sport a Terni e che ha sempre appoggiato, insieme al presidente Leonardo Palazzesi, iniziative di questo tipo organizzate dalla Ternana Rugby Club sul campo situato nel quartiere San Giovanni.

Negli interventi che si sono susseguiti l’augurio dell’assessore Ceccotti che questa prima esperienza di impiego di un tirocinante in una associazione sportiva possa essere positiva e che l’esempio della Ternana Rugby possa essere seguito presto da altre società sportive. L’assessore Proietti ha ricordato l’importanza dello sport come uno strumento educativo e sociale con potenzialità enormi e poi ha voluto portare il saluto ufficiale di tutta l’amministrazione e di tutta la città a Serena Settembri, educatrice del campus rossoverde, che la prossima settimana sarà a Parma per il primo raduno estivo della nazionale italiana femminile di rugby.

Foto 2-2-7Alla giovane rugbista ternana un grande “in bocca al lupo” scritto su una palla ovale e firmato dai tantissimi bambini della Ternana Rugby Club e del campus rossoverde consegnata dal delegato Coni, Fabio Moscatelli, visibilmente emozionato al ricordo dei suoi trascorsi da portiere al campo San Valentino e al pensiero dei sacrifici che ragazze e ragazzi come Serena fanno ma che vengono poi ripagati da traguardi importanti come quello di indossare la maglia azzurra della Nazionale.

È Sergio Depretis, uno dei primi allenatori di Serena e ora responsabile del settore Juniores della Ternana Rugby Club, che chiude con poche commoventi parole il momento istituzionale, dando il via alla festa del campus rossoverde organizzata con il puntuale e preciso servizio dei ragazzi dell’istituto alberghiero Casagrande di Terni, da sempre in prima linea nella creazione di questa rete tra sport, sociale e scuola che ancor più oggi può e deve diventare una nuova opportunità per tantissimi giovani ternani dopo il difficilissimo periodo legato alla pandemia.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sport è lavoro, si può: la storia di Lorenzo grazie a Ternana Rugby e servizi welfare di Palazzo Spada

TerniToday è in caricamento