menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Dal Tar del Lazio arriva lo stop ai risarcimenti dopo il mancato ripescaggio delle cinque società

La sentenza attesa in questi giorni è arrivata stamattina; ora per Ternana, Novara, Catania, Siena e Pro Vercelli rimane la 'carta' Consiglio di stato

La vicenda è nota a tutti gli sportivi, soprattutto a quelli che seguono le sorti calcistiche di Ternana, Novara, Catania, Siena e Pro Vercelli. A seguito della mancata iscrizione di Cesena, Bari ed Avellino si era aperta la porta del ripescaggio, nella serie cadetta, nel corso della scorsa estate. Una lunga trafila di ricorsi tra organi endofederali (Tribunale Federale Nazionale, Corte D’appello Federale, Collegio di Garanzia del Coni ndr) ed ancora Tribunale amministrativo regionale e Consiglio di stato. In pieno autunno situazione sbloccata ed avvio dei campionati con le società che hanno proseguito la loro ‘battaglia’ legale preparandosi all’udienza del 26 marzo, fissata proprio per delineare la questione. A distanza di oltre quaranta giorni la prima sezione Ter si è pronunciata e di fatto respinge la domanda di risarcimento del danno

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Ter), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, dichiara improcedibili il ricorso principale ed i motivi aggiunti con riferimento alla domanda di annullamento degli atti impugnati; respinge la domanda di risarcimento del danno

Ora le società ricorrenti, seguendo l’iter procedurale previsto, possono ricorrere al Consiglio di stato, ultimo atto prima di mettere definitivamente una gigantesca pietra su una vicenda che ha caratterizzato la scorsa estate protraendosi fino ad ottobre inoltrato

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento