Ternana Celebrity, Damiano Basile :"Ci sono sette o otto gol di differenza con il Montesilvano"

Il direttore sportivo delle rossoverdi traccia un bilancio a pochi giorni dalla Supercoppa

foto Luca Pagliaricci

Mancano esattamente nove giorni alla gara unica di Supercoppa Italiana. Il Paladivittorio ospiterà il prestigioso evento che verrà di fronte Ternana Celebrity e Montesilvano. Le rossoverdi, dopo aver conquistato il secondo scudetto della loro storia, si presenteranno con un roster completamente rivoluzionato rispetto alla scorsa stagione

“È una rosa in costruzione, chiaro che in questo momento pur stando meglio rispetto all’inizio della passata stagione c’è tanto ancora da lavorare”- sottolinea il direttore sportivo Damiano Basile –“Per essere competitivi mancano almeno tre pedine nelle zone nevralgiche del campo. Se pensiamo alla seconda parte di campionato sicuramente possiamo sorridere visto gli accordi già trovati con alcune giocatrici, ma come dico sempre nel calcio il futuro è già presente e il presente diventa subito passato, quindi bisogna tenere la testa solo alla Supercoppa.”

Domenica 30 settembre Ternana-Montesilvano

“Oggi come oggi tra noi e il Montesilvano ci sono sette od otto gol di differenza. Sarebbe un’impresa ora come ora solo andare a pensare di rimanere in gara contro di loro fino alla fine. Il Memorial Sandri vinto? Lo abbiamo vinto perché a loro non interessava, non volevano neanche giocarlo a loro detta. Sono stati assorbiti dalla formazione maschile che gioca in A1 quindi hanno avuto una iniezione importante a livello economico, noi stiamo costruendo un nuovo progetto puntando a nomi importanti, ma soprattutto a una rosa lunga fatta di nomi che potranno crescere formando un nuovo gruppo nel futuro. Il presidente non vuole certo chiudere nel giro di un anno o due. Siamo usciti da un ciclo vincente e soprattutto da un’era, quella di mio padre, adesso il Presidente Bevilacqua sta improntando un progetto diverso.”

Le speranze delle Ferelle ed il fattore Paladivittorio

“Poche, anche loro dicono di venire a fare una passeggiata o quasi, ma se rimaniamo concentrati abbiamo le giocatrici giuste per fare comunque bene e provare fino alla fine a giocarci la Supercoppa. Dipende da tutti noi, per vincere servirà dare quello che in passato nessuno di noi ha mai dato. Quando dico tutti, intendo veramente tutti. Il fattore campo conterà se i tifosi decideranno di essere quelli che sono sempre stati ovvero quelli unici e il sesto giocatore in campo. Certo è che domenica prossima alle sette di sera non avremo bisogno del pubblico, ma dei veri tifosi, per gli spettatori c’è il divano e Sportitalia. Preferirei avere meno pubblico pagante e più tifosi da Di Vittorio che un teatro silente intento a guardare bisbigliando al primo errore. Avremo bisogno dei nostri tifosi perché solo loro potranno azzerare il gap con il Montesilvano. Guardate Eva Ortega è una giocatrice che si esalta nella battaglia, ma nei teatri non ho mai visto disputarsi lotte o battaglie, nelle arene si invece. Dipenderà quindi se avremo un bel pubblico da salotto o cinquecento tifosi rossoverdi che vorranno trascinare le ragazze alla vittoria.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul futuro della Ternana Celebrity

“Dobbiamo capire che per vincere ed essere competitivi in Europa ci vuole molto di più, noi stessi stiamo cercando soluzioni e idee più a dimensione europee, perché l’impostazione deve iniziare a cambiare. Per vincere in Europa non basta portare questa o quella top player bisogna riuscire a fare in modo che le giovani crescano con una formazione di futsal puro al chiuso e curando la tecnica di base fin dai primi anni utili. Allora saremo competitivi. Non si può pretendere di vincere con un solo quartetto competitivo o sei straniere, né tanto meno litigarsi quelle giocatrici italiane che hanno raggiunto una dimensione internazionale da poco tempo, ma che hanno anche una propria vita nelle proprie realtà. Dobbiamo alzare il livello medio generale con le formazioni giovanili. Per questo ci vuole pazienza e tanta voglia di lavorare e programmare, soprattutto l’impegno di vari settori, come quello politico/imprenditoriale delle città. Organizzare una manifestazione europea a Terni per esempio sarebbe fondamentale per la crescita del nostro panorama, ma non possiamo pretendere che il nostro presidente si prenda sulle spalle da solo l’organizzazione di un evento che costerebbe cifre importanti. Mi auguro che questi discorsi vengano recepiti, per continuare a vincere dopo il secondo scudetto anche qualcosa di livello europeo e non solo.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento