Ternana, si muove il Comune: no alla serie B a 19 squadre, tutelare la legalità e l’etica dello sport

Lettera del sindaco Latini e dell’assessore Proietti a Coni, Figc e presidenza del consiglio dei ministri: rispettare le regole e valorizzare le realtà virtuose

Tifosi della Ternana

Il sindaco di Terni, Leonardo Latini, e l’assessore allo sport, Elena Proietti, hanno scritto una lettera a Giovanni Malagò, presidente del Coni, Roberto Fabbricini, commissario straordinario Figc, e Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo sport, sulla vicenda del campionato di serie B a 19 squadre.

Ecco il contenuto:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In qualità di amministratori della Città di Terni, stiamo con attenzione da tempo seguendo il susseguirsi delle vicende relative alla programmazione del prossimo campionato di Serie B, di cui la locale squadra Ternana Unicusano calcio è soggetto interessato. Con estrema preoccupazione, in questi giorni apprendiamo che si sta profilando l’eventualità di un calendario composto da sole 19 società. Una decisione in tal senso escluderebbe la squadra della nostra città dal campionato cadetto, a nostro avviso ingiustamente. Non ci risultano sussistenti, infatti, i presupposti regolamentari per modificare l’ordinamento per l’imminente campionato. Inoltre, posto che era stato annunciato un avvio a 22 squadre, le compagini escluse da una scelta così repentina quanto imprevedibile subirebbero un pesante pregiudizio sotto il profilo economico. Senza poi considerare il rischio del possibile incardinarsi di numerosi ricorsi, cui conseguirebbero ritardi e disfunzioni. In un momento come questo riteniamo necessario, se non indispensabile, che ci sia una volontà condivisa di tutelare l’immagine del calcio italiano, con azioni e condotte di assoluta correttezza e trasparenza. Ciò passa dal rigoroso rispetto delle regole e dalla valorizzazione di quelle realtà ‘virtuose’, come la Ternana Calcio, che non hanno subito penalizzazioni e che si muovono nell’ambito dei criteri di correttezza finanziaria. Confidiamo, quindi, che sia fatto tutto quanto possibile a tutela della legalità e dell’etica dello sport.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento