Ternana-Perugia derby infinito, Leonardo Varasano risponde a Fabio Paparelli

Il presidente del consiglio comunale di Perugia dopo la frase pronunciata dall'assessore Paparelli

Ternana-Perugia, un derby infinito, non solo sugli spalti o in campo. A margine della presentazione della Ternana, avvenuta giovedì sera allo stadio Libero Liberati, il presidente del consiglio comunale di Perugia ossia Leonardo Varasano, ha replicato alla frase pronunciata dall'assessore Fabio Paparelli

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il tifo a volte fa brutti scherzi, fa perfino dimenticare fatti concreti, ostinati ed incontrovertibili. Un esempio di questi scherzi è racchiuso in una battuta dell'Assessore regionale Fabio Paparelli pronunciata in occasione della presentazione della rosa della Ternana Calcio per la stagione 2018-2019. In quella occasione, Paparelli ha affermato che Terni sarebbe "sportivamente e calcisticamente la prima città dell'Umbria". Al di là delle parti e dei campanilismi, un' affermazione del genere non può rispondere al vero: ci si dimentica i 13 anni di serie A, l'imbattibilita', il secondo posto, le due partecipazioni alla coppa Uefa e la vittoria dell'Intertoto del Perugia Calcio (è sufficiente una visita al museo del Curi, per rendersi conto di una storia così significativa); le splendide, recenti vittorie della Sir Volley in campo nazionale; gli storici traguardi della Sirio nella pallavolo femminile in campo nazionale ed internazionale. E l'elenco potrebbe continuare con Gianfranco Rosi nel pugilato e Francesco Cancellotti nel tennis, solo per fare altri due esempi." -afferma Varasano -"Perugia si è fatta e si fa onore in ambito sportivo, portando in alto le insegne della nostra città e dell'Umbria. Far finta che questa storia non esista è una dimenticanza, voluta, che può discendere solo da eccessi di tifo. Sia chiaro: ben venga il tifo - ed io mi tengo stretta la mia bandiera con il Grifo e l'amore per Perugia in ogni competizione, anche la più semplice e meno nota -, ma quando il tifo eccede può fare brutti scherzi, confondendo i desideri, pur legittimi, con la realtà. Evidente ed ostinata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento