menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ternana, svolta sui ricorsi pendenti relativi ai ripescaggi: arriva l'intervento del Governo

E' atteso nella serata odierna un decreto per uniformare la vicenda ripescaggi

La svolta potrebbe essere dietro l’angolo. Ci sono sei società che attendono di conoscere l’esito dei propri ricorsi dopo aver trascorso l’intera estate ad attendere. Si tratta di Ternana, Pro Vercelli, Novara, Catania, Siena ed Entella interessate rispettivamente ai ripescaggi ed alla riammissione cadetta

Un decreto per le ricorrenti

È previsto nella giornata odierna la ratifica di un intervento del governo mediante decreto per dirimere tutte le controversie. La soluzione sarebbe stata concertata dal sottosegretario con delega allo sport Giancarlo Giorgetti e Giovanni Malagò presidente del CONI. Far ripartire da zero tutti i ricorsi dal TAR del Lazio che li valuterà nel dettaglio. Come è noto al momento l’Entella è in attesa di conoscere la categoria di appartenenza dopo che la FIGC e la Lega B hanno impugnato la decisione del Collegio di Garanzia dello Sport. Le altre società hanno iniziato l’iter endofederale rivolgendosi al TFN per poi proseguire con CAF ed eventualmente Collegio Di Garanzia dello Sport. Nel contempo Pro Vercelli e Ternana hanno presentato ricorso al Consiglio di Stato che dovrebbe, a questo punto condizionale, pronunciarsi il prossimo 11 ottobre. La soluzione sarebbe solo temporanea dato che, dalla prossima stagione, una commissione apposita presso il comitato olimpico del CONI si dovrebbe occupare degli aspetti extracampo

Il testo del Decreto

Disposizioni urgenti in materia di giustizia amministrativa, di difesa erariale e per il regolare svolgimento delle competizioni sportive (decreto-legge)

"Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha approvato un decreto-legge che introduce disposizioni urgenti in materia di giustizia amministrativa, di difesa erariale e per il regolare svolgimento delle competizioni sportive.

In particolare, il testo apporta alcune modifiche al Codice del processo amministrativo, introducendo strumenti finalizzati a migliorare l’efficienza e la funzionalità della giustizia amministrativa, nonché della difesa del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) davanti alla giurisdizione amministrativa. Il decreto disciplina la possibilità, per il CONI, di avvalersi del patrocinio dell’Avvocatura dello Stato e riserva alla competenza del Tribunale amministrativo regionale (TAR) del Lazio le controversie che hanno a oggetto provvedimenti di ammissione ed esclusione da competizioni professionistiche delle società o associazioni sportive professionistiche, escludendo quindi la competenza degli organi di giustizia sportiva, con l’eccezione di determinati casi in grado di garantire statuizioni definitive entro 30 giorni. Il testo precisa, infine, che le nuove disposizioni si applicheranno da subito anche ai procedimenti e alle controversie già in corso"

Il TAR del Lazio

A questo punto come si evince all'interno del decreto le società ricorrenti potranno ricorrere direttamente al TAR del Lazio limitando le tempistiche che si sono e stanno concretizzando all'interno del percorso endofederale 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento