menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
lago di piediluco

lago di piediluco

La Terni che ci piace, il territorio si riscopre ‘internazionale’ grazie al lago di Piediluco

Trentasei nazioni al via, diretta televisiva su Rai Sport per un 'Memorial D'Aloja' che si annuncia davvero ricco di interesse

Bangladesh, Belgio, Benin, Costa d'Avorio, Croazia, Danimarca, Egitto, Finlandia, Georgia, Giappone, Grecia, Irlanda, Israele, Libia, Lituania, Marocco, Monaco, Namibia, Olanda, Portogallo, Porto Rico, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Singapore, Sud Africa, Svizzera, Togo, Tunisia, Turchia, Uzbekistan, Ucraina, Ungheria, Zimbabwe.

Non è un elenco per fare i finti 'sapientoni' in geografia, tutt’altro. Sono le trentasei nazioni che partecipano alla 33° edizione del Memorial D’Aloja in programma da oggi a domenica 14 aprile. Una manifestazione internazionale di primissimo piano che permette di valorizzare e dare lustro a tutto il territorio di Terni e provincia. Location d’eccezione, naturalmente, il lago di Piediluco con le sue suggestioni, colori e particolarità che lo rendono unico ed inimitabile. A suggellare il tutto, le riprese di Rai Sport – dirette previste sabato 13 e domenica 14 - e la presenza di campioni di canottaggio provenienti da tutto il mondo. Un orgoglio vero, un orgoglio profondo perché si abbineranno sport e turismo, dando vita ad un vero e proprio sold out nelle strutture ricettive del circondario. “Da tempo non si vedeva una partecipazione a livello qualitativo così alta”, ha sottolineato ieri Francesco Cattaneo, presidente FCI, in occasione della presentazione avvenuta alla Fondazione Carit.

La Terni che ci piace raccontare

E’ la Terni che ci piace raccontare, un prodotto esportato fuori dai confini provinciali dove professionalità, competenze e bellezze naturali si fondono univocamente. Il passaggio della Mille Miglia in città, il prossimo 16 maggio, sarà un ulteriore step di risonanza aspettando ulteriori buone notizie in arrivo, per la promozione del territorio. Ad esempio è dal 1995 che Terni non ospita un arrivo del Giro d’Italia, in quel frangente Mario Cipollini vinse in volata. Sono passati oltre ventitré anni dall’ultima apparizione della nazionale italiana al Liberati (Italia-Galles 3-0 del 24 gennaio 1996, ndr) in attesa di vedere all’opera quella cantanti il prossimo 3 ottobre. Si è finalmente tornati ad organizzare una competizione di atletica leggera al campo scuola ‘Gran prix’ seppur destinato ai ragazzi. Tuttavia c’è ancora tanto da lavorare sperando che presto venga pubblicato il bando per la riqualificazione del Casagrande. Sono alcuni tra i tanti esempi senza dimenticare quello che si è fatto e si farà. Intanto godiamoci il Memorial D’Aloja e le meraviglie paesaggistiche del Lago di Piediluco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento