rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il terremoto di Norcia", il film documentario del ternano Andrea Sbarretti

Verrà proiettato venerdì 12 aprile alle 21 al cinema “Mario Monicelli” di Narni con sottotitoli in inglese, alla presenza del regista

“Nella attuale società, i film sono diventati semplici strumenti di intrattenimento i cui dialoghi e personaggi sono spesso frutto di idealizzazione. Questa tendenza idealistica e moralizzante, rappresenta un cinema totalmente distaccato dalla realtà quotidiana. Fuori dalle finestre c’è una nuova generazione che esige un cinema in grado di rispecchiare fedelmente la realtà, troppo spesso relegata in un cono d’ombra”.

Il cinema di Andrea Sbarretti “punta la cinepresa sulla realtà, ma senza accontentarsi di registrare la vita così come trascorre davanti alla macchina da presa, ma dandole una forma sempre diversa, catturando così la vera anima delle cose”. I fotogrammi de “Il terremoto di Norcia” non sono altro che pagine strappate e rubate dal diario intimo dei protagonisti e hanno la sincerità di una popolazione inquieta, alle prese con i disagi del vivere nei container.

Il 24 agosto 2016 una scossa di magnitudo 6.0 distrusse Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto e altri borghi tra Lazio, Umbria, Abruzzo e Marche, provocando la morte di oltre 300 persone. Lo sciame sismico continuò per due mesi fino al 26 ottobre, quando due scosse di 5.4 e 5.9 con epicentro rispettivamente a Castelsantangelo su Nera e Ussita, provocarono innumerevoli crolli. Il 30 ottobre alle 7.40 una scossa magnitudo 6.5 con epicentro tra Norcia, Preci e Castelsantangelo su Nera, provocò il crollo della basilica di San Benedetto a Norcia e di numerosi edifici risparmiati nelle precedenti scosse.

Le riprese del film documentario sono state effettuate a Norcia, San Pellegrino di Norcia, Campi di Norcia, Nottoria, Castelluccio di Norcia, con 5 abitanti del posto che ricoprono i ruoli principali, attorniati da amici e parenti che fanno da sfondo alla vicenda. Emiliano Ansuini, Giuseppe Fausti, Stefano Di Giovambattista, Cinzia Fiorucci, Roberto Sbriccoli sono i testimoni di quella Norcia che non c’è più, di quei borghi distrutti e che tutt’oggi sono completamente disabitati.

Video popolari

"Il terremoto di Norcia", il film documentario del ternano Andrea Sbarretti

TerniToday è in caricamento