rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | “La realtà quotidiana è carica di negatività: abbiamo bisogno di una Funky Mietitrebbia”

Il nuovo pezzo della band orvietana degli Italiani Medi: “È l’antihit estiva del 2024, il nostro lavoro più poderoso e momorabile. Una canzone autarchica al ritmo della quale speriamo non vogliate ballare sotto gli ombrelloni di Riccione”

“Funky Mietitrebbia è l’antihit estiva del 2024, il pezzo più poderoso e memorabile da noi prodotto. Una canzone autarchica al ritmo della quale speriamo non vogliate ballare sotto gli ombrelloni di Riccione”.

Loro sono gli Italiani Medi, band orvietana che dopo avere trattato temi come disoccupazione (con Odore Naftalina), voglia di fuga da un futuro incerto (Tristan Da Cuhna) o il “potere mercificante della musica” (Cartiera Fantabosco) oggi tornano con questo pezzo che, con “sonorità in parte vellutate, in parte danzerecce, si configura come un coacervo di follia e sottili riferimenti a ciò che non va nella società geriatrica moderna deviata, negli ultimi anni, da strani echi autoritari”.

“Il pezzo – spiegano i ragazzi della band - alla cui composizione ha contribuito la cantante Greta Spinelli, porta con sé un messaggio antico quanto urgente: che senso ha, oggidì (anche solo silenziosamente) accettare, se non spesso rievocare e inneggiare a ritriti messaggi d’odio, di chiusura mentale, di regresso, nelle nostre vite come all’interno delle dinamiche sociali in cui siamo immersi? La realtà quotidiana, carica di questa negatività, ci impone di alzare quotidianamente le mani al cielo sperando nell’arrivo di una coloratissima, sfacciatissima e molto ritmica Funky Mietitrebbia che sia in grado di asfaltare questi agghiaccianti pensieri in una repentina e catartica mietitrebbiatura”.

Gli Italiani Medi sono Gabriel Araoz (voce), Michele Bonchio (tastiera, cori), Gregorio Negri (chitarra solista), Lorenzo Mancini (chitarra ritmica, cori), Francesco Ciuchi (basso), Lorenzo Paladini (mix&master).

Buon ascolto.

Si parla di

Video popolari

TerniToday è in caricamento