rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Odore Naftalina”, così gli Italiani Medi parlano di giovani e futuro: “La soluzione è sposare vecchie e ricchissime pensionate”

Il brano della band umbra che si definisce “un miscuglio di cultura pop, humour surreale, slappate di basso” | VIDEO

“Siamo umbri (chi lo sa se è una qualità?). Siamo funk. Siamo anche abbastanza rock e scriviamo cose un po' pazze e squilibrate ma lanciamo messaggi politici e non degni di nota, a modo nostro. Ci siamo da poco ristrutturati e abbiamo un ricchissimo programma musicale da condividere e promuovere nei prossimi mesi!”.

La band in questione è quella degli Italiani Medi che da poco pubblicato il brano “Odore Naftalina”: “Qui affrontiamo l’argomento ‘i giovani e il futuro’ – racconta la band - arrivando a un paradosso. La soluzione alla mancanza di lavoro e prospettive diventa infatti quella di sposarsi vecchie e ricchissime pensionate”.

Come in Odore Naftalina, nei loro pezzi gli Italiani Medi parlano “della realtà che ci circonda. Di possibili fughe in isole remote dove l’unica occupazione è quella di stampare francobolli, come Tristan da Cunha, pur di sfuggire ai marciumi del nostro Paese, tanto da indurci, qualora questo piano non si realizzasse, alla guerriglia urbana”.

Si definiscono come un “miscuglio di cultura pop, humour surreale, slappate di basso” e dicono di ispirarsi “agli Elio e le Storie Tese, agli Skiantos e, perché no, ai Red Hot Chili Peppers”.

“Parleremo presto dello squallore imperante nei social media, del deprezzamento e mercificazione della musica negli stessi, dell'assurdità che la cultura del patriarcato sia ancora viva o che vecchi, beceri ideali, ne alimentino impareggiabilmente la fiamma. Parleremo della voglia di alcuni di vivere in mondi autarchici, di tornare a passati mitici fatti di politici (a loro dire) mitici (Craxi, in una delle nostre canzoni). Parleremo e stiamo parlando delle persone della nostra terra, di chi sono e che vogliono. Parleremo delle nostre origini, degli etruschi. Il tutto in chiave superficialmente ironica, ma sempre nascondendo un messaggio più profondo”.

Buon ascolto!

Si parla di

Video popolari

“Odore Naftalina”, così gli Italiani Medi parlano di giovani e futuro: “La soluzione è sposare vecchie e ricchissime pensionate”

TerniToday è in caricamento