Ecco lo spartitraffico che resiste agli incidenti, il primo cantiere nel Ternano

Tra Orte e San Liberato l’installazione di un new jersey all’avanguardia per un tratto lungo circa cinque chilometri. Lavori ultimati entro settembre

 

Il primo cantiere per l’installazione dello spartitraffico anti-incidenti è stato avviato sulla strada statale 675 “Umbro laziale” tra Orte e San Liberato in provincia di Terni per un tratto di circa 5 chilometri.

È qui che Anas sta intervenendo per la sostituzione dello spartitraffico centrale (new jersey) preesistente che sarà sostituito con una nuova barriera in calcestruzzo di ultima generazione, progettata e brevettata da Anas, denominato National Dynamic Barrier Anas (NDBA).

La particolarità di questa barriera, alta 1,2 metri, consiste nella capacità di contenere eventuali urti con uno spostamento molto ridotto, anche in caso di mezzi pesanti e persino nel caso di due urti in rapida successione. I lavori comprendono anche la chiusura dei varchi con barriere amovibili e l’installazione di attenuatori d’urto in corrispondenza delle rampe di uscita.

Per consentire lo svolgimento delle operazioni saranno temporaneamente chiuse le corsie di sorpasso in entrambe le carreggiate. Il transito sarà sempre consentito sulla corsia di marcia. Il completamento di questo cantiere, che si svolgerà in più fasi successive, è previsto entro settembre. A seguire, saranno interessati gradualmente altri tratti sia lungo la SS675 che sulla SS3bis “Tiberina”.

Questo intervento rientra nell’ambito del piano di riqualificazione dell’itinerario E45-E55 Orte-Mestre, avviato da Anas (Gruppo FS italiane) a partire dal 2016 per un investimento complessivo di 1,6 miliardi di euro di cui 600 milioni nel tratto umbro da Orte a San Giustino.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TerniToday è in caricamento