Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO – Il gusto dell’arte con le Memorie di Adriano

Il testo recitato da Stefano De Majo, accompagnato dalle musiche di Gustavo Gasperini e Fabrizio Longaroni e la pittura di Igor Borozan. Nella splendida cornice di “Ristò da Ale”

 

Non è facile descrivere il pathos, non è facile descrivere le emozioni che si provano quando si ascolta, si vede, si sente qualcosa che emotivamente è così forte da catturare mente e corpo, difficile trovare parole adeguate. Le cose vanno vissute e basta. Le emozioni si provano, si devono vivere per capirle davvero. Emozioni che si trovano, sono a disposizione del mondo e della vita, basta solo cercarle, intercettare la direttiva giusta.

E c’è un nome che queste emozioni riesce a veicolarle, perché ha talento, perché le sa captare: arrivano da quel grande universo che si chiama “Arte”. Lui è Stefano De Majo, un nome che, a chi ama l’arte, non può sfuggire. A Terni (ma ormai in tutta Italia, perché De Majo è richiestissimo ovunque nella Penisola) talento ne ha! E ha talento anche chi è riuscito a capire che arte e buona vita devono andare di pari passo e in questo caso il nome è quello di Alessandro Paolucci. Imprenditore, titolare di “Ristò da Ale”, Alessandro è riuscito a realizzare una sorta di via Margutta ternana nel suo locale di via Fratini, con un calendario di eventi che coniuga arte, poesia e ovviamente buon cibo.

De Majo è l’anfitrione di alcune date che lo hanno già visto protagonista, con tanto di sold out, in veri e propri happening in grado di coinvolgere totalmente il pubblico: Bukowski il primo grande nome, per poi proseguire con le Memorie di Adriano, Leonard Cohen e il mitico Garcia Lorca. Con De Majo altri due grandi artisti: Fabrizio Longaroni e Gustavo Gasperini. E poi l’Arte disegnata da Igor Borozan.

Un vero successo la serata dedicata alle Memorie di Adriano: “Memorie di Adriano – spiega Stefano de Majo – è un testo guida di tante persone di ieri e di oggi e fu in teatro il cavallo di battaglia di Giorgio Albertazzi. Fa parte da anni del mio repertorio e vi sono molto legato avendo debuttato con questo celebre monologo a Roma nel 2013 alla galleria Agostiniana e poi replicando in varie occasioni sia in teatro che in suggestivi siti archeologici nelle stagioni estive. Da questa esperienza di studio e di teatro ho tratto poi ispirazione per altre mie opere tra cui di recente questa fortunata piéce”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TerniToday è in caricamento