Venerdì, 18 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Arrestare un minorenne che spaccia è una sconfitta. Ma non lo abbandoneremo”

Il saluto del questore di Terni, Roberto Massucci, che da lunedì prenderà servizio a Livorno: “Esorto i ragazzi a riprendersi i loro spazi”

La droga è soltanto la punta dell’iceberg. Perché nei suoi quattordici mesi alla guida della questura di Terni, Roberto Massucci ha avuto un osservatorio privilegiato per inquadrare un fenomeno più complesso e che riassume nel “processo di rottura del rapporto tra giovani e città”.

Sono proprio i giovani l’obiettivo principale del saluto del questore, che da lunedì primo marzo prenderà servizio a Livorno e verrà sostituito da Bruno Failla. “Esorto i ragazzi a riprendersi i loro spazi”, è l’invito di Massucci, che invoca una “analisi scientifica su chi sono i ragazzi ternani e su quali sono i loro bisogni”, rivendicando la bontà della città, le sue tradizioni e le sue potenzialità. “Più che concentrarci sulla carta fuori da un cestino dell’immondizia, dovremmo valorizzare le ricchezze di Terni” e non “continuare a deprimerla”.

C’è insomma da mettere assieme istituzioni, famiglie, forze dell’ordine. “Arrestare un minorenne che spaccia droga – spiega Massucci – è una sconfitta. Ma non lo abbandoneremo. E più che concentrarci su quello che abbiamo arrestato, dobbiamo continuare a pensare a tutti quelli che restano fuori”.

(foto e video di Giacomo Sirchia)

Si parla di

Video popolari

“Arrestare un minorenne che spaccia è una sconfitta. Ma non lo abbandoneremo”

TerniToday è in caricamento