Martedì, 22 Giugno 2021
Voto 2020

Referendum, l’appello: la provincia di Terni rischia di contare ancora meno, io voterò no

Taglio dei parlamentari, Nevi (FI): proposta scriteriata che non si inquadra in una riforma complessiva del funzionamento delle istituzioni

“Con il taglio dei rappresentanti elettivi, l’Umbria conterà di meno. I deputati eletti nel cuore verde d'Italia passeranno da 9 a 6 (-33%) e i senatori da 7 a 3 (-57%). Io voto no”.

Il 20 e 21 settembre si terrà il referendum sul taglio dei rappresentanti elettivi di Camera e Senato.

“Si tratta di una proposta scriteriata – dice l’onorevole Raffaele Nevi, Forza Italia – voluta dal Movimento 5 Stelle, che non si inquadra in una riforma complessiva del funzionamento delle istituzioni e che avrà come unico effetto una riduzione degli spazi di rappresentanza democratica, specie per le Regioni più piccole. Fra tutte l’Umbria, particolarmente penalizzata, che perderà circa il 50% dei propri parlamentari. Insieme alla Basilicata, la regione più colpita”.

“In questo quadro – aggiunge il parlamentare azzurro - rischierà di ritrovarsi a contare ancora di meno la nostra provincia di Terni. Per questo e altri motivi voterò convintamente no dopo che mi astenni dal votarla anche in Parlamento. Invito tutti a riflettere su questo voto se vogliamo bene alla nostra Regione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum, l’appello: la provincia di Terni rischia di contare ancora meno, io voterò no

TerniToday è in caricamento