rotate-mobile
Narni Narni

Narni dall’alto ai “raggi X”: via all’aggiornamento della cartografia del territorio comunale

L’annuncio dell’assessore Marco Mercuri: “Così sarà possibile consultare una mappa dettagliata per le parti urbanizzate e le zone industriali e una a scala territoriale per tutto il resto del sistema ambientale”

Scrutare dall’alto i quasi duecento chilometri quadrati del territorio di Narni, per fare il punto della situazione. Ovvero acquisire dati aggiornati che potranno permettere alla giunta comunale di intervenire con cognizione di causa rispetto alle parti urbanizzate e quelle occupate da insediamenti industriali. Informazioni utili, che saranno importanti anche per il settore ambientale. La novità del 2024, dunque, riguarda questo intervento che verrà fatto dall’alto. Ed è l’assessore Marco Mercuri a spiegare meglio di cosa si tratta.

“Il sistema informativo territoriale comunale si evolve - afferma Mercuri - Nei primi mesi del 2024 verrà effettuato un nuovo volo aereo che permetterà di aggiornare la cartografia tematica di base di tutto il territorio comunale e di adeguarla ai nuovi standard europei di raccolta e condivisione dei dati. Il risultato ci permetterà di avere a disposizione un database ‘geo topografico integrato’ con contenuti tematici che sono indispensabili per le attività del Comune in ordine alla tutela dell’ambiente e dello sviluppo del territorio. Sarà possibile, quindi, consultare una carta dettagliata per le parti urbanizzate e le zone industriali e una a scala territoriale per tutto il resto del sistema ambientale. A partire da questo sarà sviluppata la nuova carta di uso del suolo, con tutte le categorie di utilizzo del territorio, al fine di poter monitorare il consumo di suolo e predisporre misure adeguate per la mitigazione dei cambiamenti climatici e consentire uno sviluppo sostenibile del nostro comune”.

“La conoscenza aggiornata del territorio - conclude l’assessore Mercuri - è condizione essenziale per adeguare gli attuali strumenti urbanistici alle mutate necessità della comunità, agli indirizzi programmatici dell’amministrazione comunale, alle variate condizioni di contesto soprattutto da un punto di vista ambientale”.

Per quanto riguarda altri interventi compiuti dagli assessorati di sua competenza, Mercuri ricorda il grande passo in avanti compiuto dalla realizzazione del tratto completo della pista ciclabile che unisce Terni a Narni, un percorso molto suggestivo lungo circa 18 chilometri. Mercuri ricorda poi due altri progetti, sui quali nel suo intervento ha puntato i fari anche il sindaco. Si tratta della realizzazione della bretella di Narni scalo, che collegherà via Capitonese con la rotonda posta presso la ex Fina e quella della strada del Suffragio che, una volta ultimata, unirà la zona di bBerardozzo all’attuale parcheggio del centro storico. Una bretella che passerà a ridosso del castello di San Girolamo e degli impianti sportivi adiacenti. Un intervento, questo, che consentirà di smaltire parte del traffico da e per il centro storico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narni dall’alto ai “raggi X”: via all’aggiornamento della cartografia del territorio comunale

TerniToday è in caricamento