NarniToday

Cento bocche da sfamare ogni giorno: il “miracolo” delle dispense solidali

Narni, così lotta allo spreco e sostegno a chi non ce la fa vanno a braccetto. Il Comune: sempre più acuto il disagio economico-sociale, il progetto va avanti

Pacchi alimentari

C’è l’anziano solo che ogni giorno riceve un pasto caldo in casa e la famiglia che invece arriva al centro di distribuzione, ritira il suo pacco, ringrazia e se ne va. Il progetto si chiama “Dispense solidali” e mette insieme lotta allo spreco alimentare, la garanzia a famiglie e singoli che si trovano in uno stato di disagio economico un approvvigionamento alimentare costante e di qualità e una forma di sostegno al reddito “alternativa all’erogazione monetaria di contributi”. Che, spesso, servono a tutto, tranne che a garantire la sussistenza.

L’idea è del Comune di Narni che nel 2015 ha dato il via a questa iniziativa in collaborazione con la cooperativa Babele e poi ancora con ilo Banco alimentare. “Nel corso degli anni – spiega Silvia Tiberti, assessore alle politiche sociali del Comune di Narni, nell’illustrare i motivi che hanno spinto a prorogare il servizio fino ad aprile 2019 - a partire dall’avvio del progetto, è stato riscontrato un aumento del fabbisogno dei servizi erogati, dovuto all’acuirsi del disagio socio-economico delle famiglie del territorio”. Tanto che ad oggi sono stati “ampiamente raggiunti i risultati in cui nel 2017 si stimava di servire 100 unità tra nuclei e singoli”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento, sono 41 le unità familiari a cui viene garantito un sostegno – pacco alimentare o pasto – per un numero complessivo di 102 utenti, di cui 10 su Otricoli e i restanti su Narni. In particolare, vengono erogati mensilmente 31 pacchi a nuclei familiari (o singoli) e 24 pasti giornalieri, ma date le esigenze in aumento il nuovo bando prevede 30 pasti giornalieri e 40 pacchi mensili. La platea “beneficia sia dei prodotti confezionati distribuiti dal Banco alimentare sia dei prodotti freschi e a scadenza breve raccolti presso le mense pubbliche e private o conferiti dalla piccola, media e grande distribuzione organizzata e/o industrie alimentarie della ristorazione, da ristoranti o esercizi commerciali analoghi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento