rotate-mobile
Narni Narni

Narni e il turismo che passa dai matrimoni: ecco ‘Destination wedding’

Arianna Antonini (M5S): “Altro tassello per rilanciare il nostro meraviglioso territorio”. Ecco di cosa si stratta

Gli addetti del settore lo chiamano 'Destination Wedding'. Si tratta di matrimoni e unioni civili che si celebrano in mete da sogno, una pratica che attira in particolare sposi da paesi stranieri. "Per Narni - afferma Arianna Antonini (M5S) -, si concretizza un nuovo orizzonte dal punto di vista turistico grazie ad una mozione da me presentata ed approvata all'unanimità dal Consiglio Comunale. La presenza di numerose residenze di pregio e di dimore storiche e di altre molteplici location, possono rendere il territorio narnese meta attrattiva per il cosiddetto Destination wedding tourism”. 

“La conformazione geografica del territorio narnese - continua la consigliera pentastellata -, nel cuore dell'Italia centrale e vicinissima a Roma, può favorire l'arrivo di coppie di sposi di provenienza, oltreché regionale, anche nazionale ed internazionale. Da qui la nostra proposta per attivare le procedure per l'incremento del numero di dimore storiche, o residenze di pregio pubbliche o private, idonee ad ospitare separati uffici di stato civile esclusivamente per la funzione della celebrazione di matrimoni e unioni civili nel nostro comune. Con ciò intendiamo avviare esperienze di collaborazione tra Comune e location turistiche per i matrimoni al fine di promuovere il territorio, incrementando la scelta di tali location narnesi come luoghi per le celebrazioni. La mozione prevede a tale proposito la realizzazione di percorsi appositi con la Regione Umbria affinchè l'iniziativa sia presente nelle manifestazioni di incontro e confronto (fiere, mostre, convegni ed altro ancora) dedicate all'evento matrimoniale, secondo i principi ribaditi all'art.2 della legge regionale n. 13 del 12 luglio 2013 'Testo unico in materia di turismo'. E più in generale, prevede di programmare iniziative comunicative e promozionali atte ad incentivare la scelta dei territori di Narni per i matrimoni e unioni civili”. 

“Si tratta - conclude la Antonini -, di un altro tassello da rilanciare per ampliare la già vasta offerta turistica e promozionale del nostro meraviglioso territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narni e il turismo che passa dai matrimoni: ecco ‘Destination wedding’

TerniToday è in caricamento