rotate-mobile
Narni Narni

Narni, ecco la 56esima edizione della Corsa all’Anello: “Evento storico di riferimento per l’Umbria”

La presentazione della festa sabato mattina nella sede dell’associazione. Tutte le novità di quest’anno

Ancora quattro giorni e la città di Narni tornerà ad aprire le sue porte alla Corsa all’Anello che in questo 2024 taglia il nastro della 56esima edizione. Ormai nota in tutto il territorio nazionale come una delle manifestazioni storiche più suggestive e accurate nel rievocare il periodo ad essa dedicata, la festa narnese prenderà il via il 24 aprile. Nei 19 giorni di durata ci saranno diversi ponti primaverili che favoriranno di sicuro l’afflusso turistico. La giostra equestre, tra le più avvincenti del centro Italia nel suo genere, vedrà in scena la sfida tra i nove cavalieri dei tre Terzieri di Mezule, Fraporta, Santa Maria che difenderanno i colori di appartenenza in altrettante tornate, contendendosi l'anello d’argento. Tema portante di quest’anno sarà la terra, uno dei quattro elementi fondamentali che simboleggia la materia primordiale che abbraccia la vita e la nutre. E, nell'immaginario collettivo, è anche legata al senso di appartenenza al proprio territorio in cui tutto converge e dal quale partire per un processo di creazione che, rispettosamente, ne valorizzi le qualità e le potenzialità. 

La presentazione della festa ha avuto luogo sabato 20 aprile presso la sede dell’associazione Corsa all’Anello, alla presenza di Lorenzo Lucarelli (sindaco di Narni), Federico Montesi (presidente associazione Corsa all'Anello), Paola Benedetti (vice presidente e segretaria amministrativa), Emiliano Luciani (responsabile della comunicazione e pubbliche relazioni) e Michele Francioli (presidente del Consiglio comunale con delega alla Corsa all’Anello). Presente anche l'asessore alla Cultura del comune, Giovanni Rubini. Il sindaco Lucarelli ha esordito ringraziando tutti i volontari che sono il cuore pulsante della Corsa all’Anello e che collaborano alla realizzazione di questo unicum che spicca ormai, sia a livello regionale che nazionale, per lo spessore della ricerca storica, nonché per la qualità culturale che la contraddistingue. L’invito del primo cittadino è quello di venire a Narni a condividere questa atmosfera particolare e coinvolgente che si respira durante la festa. Il presidente Montesi ha parlato di grande senso di responsabilità per l’associazione che custodisce e realizza, grazie ai terzieri e ai sei Priori con i quali c’è un forte spirito di collaborazione, un evento così ancorato nella storia della città. Montesi ha anche illustrato il progetto 'Concreta' che porterà alla sigla di un protocollo con le associazioni del territorio che si occupano di ragazzi diversamente abili che, già da tempo, operano all’interno della Corsa all’Anello attraverso laboratori. 

Il consigliere Francioli ha confermato la collaborazione dell’amministrazione comunale, sempre al fianco dell’associazione per realizzare questa manifestazione che riesce a coinvolgere insieme tutti i cittadini e che nel 2023 è stata attestata quale "evento storico di riferimento per l’Umbria". Un riconoscimento meritato e che dà lustro a Narni. A Luciani il compito di illustrare il programma tra eventi tradizionali, appuntamenti che innovano la rievocazione storica di anno in anno e, novità di questo 2024, la possibilità di immedesimarsi nel ruolo di cavaliere giostrante grazie al nuovo gioco da tavola “Giostre cavalleresche d’Italia” disponibile al Museo MultiMediale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narni, ecco la 56esima edizione della Corsa all’Anello: “Evento storico di riferimento per l’Umbria”

TerniToday è in caricamento