NarniToday

Narni rende omaggio al benefattore Onofrio Calderini

Nel XVII lasciò un'ingente eredità all'ospedale, ora sarà realizzata una targa commemorativa

La targa per Onofrio Calderini

Narni rende omaggio a Onofrio Calderini. Una targa in memoria del benefattore sarà apposta all'interno dell'ospedale e sarà ufficialmente scoperta venerdì 21 dicembre. 

Le ricerche recentemente effettuate sulla famiglia Calderini, confluite in una monografia curata da Francesco Luisi per la collana di studi storici pubblicata dal Rotary Club Amelia-Narni, hanno messo in luce il ruolo di benefattore assunto nel XVII secolo dal Capitano Onofrio Calderini. Ultimo erede della famiglia, aveva lasciato all’ospedale di Narni, per volontà testamentaria, un patrimonio ingente rappresentato da vari beni immobili e da un consistente lascito in denaro e titoli di credito. Nel 1678, a ricordo della magnanimità del benefattore, i Rettori dell’ospedale avevano posto una lapide nella chiesa annessa della Santissima Trinità, di cui si ha riscontro fino agli inizi del secolo scorso. 

Lo studioso locale Edoardo Martinori ne aveva infatti registrato sommariamente la dicitura e disegnato lo stemma nei suoi appunti ora conservati presso l’Archivio storico della Biblioteca Comunale di Narni. Nel 1939 un altro cultore di storia narnese, Giuseppe Collosi, nella sua monografia dedicata all’ospedale aveva a sua volta precisato il contenuto della lapide dichiarandola però scomparsa. Di fatto a tutt’oggi la testimonianza risulta dispersa per ragioni ignote. 

La direzione dell’ospedale, venuta a conoscenza della documentazione attestante i lasciti provenienti dalla famiglia Calderini, ha quindi deciso, in collaborazione con il Rotary Club Amelia-Narni, di ripristinare la perduta testimonianza lapidea in onore del benefattore e di collocarla all’interno dell’ospedale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

Torna su
TerniToday è in caricamento