rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Narni Narni

“Pochi parcheggi, disagi per camper e autobus: Narni è una città prigioniera del traffico”

L’intervento del consigliere di Forza Italia, Sergio Bruschini: “Nelle giornate in cui arrivano i visitatori, emergono tutte le criticità che riguardano viabilità e aree di sosta”

Una città prigioniera del traffico. Ad affermarlo è Sergio Bruschini, consigliere comunale di Forza Italia. “Nelle giornate in cui la città si riempie di visitatori - afferma il consigliere di opposizione - purtroppo emergono tutte le criticità che riguardano viabilità e parcheggi. Diverse situazioni strutturali stanno limitando la ricettività, creando non pochi problemi a chi arriva da fuori ma anche a coloro che a Narni ci vivono. In occasione dei weekend, o nelle giornate nelle quali ci sono degli eventi nel centro storico, per i residenti diventa impossibile poter parcheggiare”.

“L’area del Suffragio è del tutto insufficiente – rileva Bruschini - considerando che oltre a riempirsi di autovetture, viene presa d’assalto anche da decine di camperisti che, non avendo aree di sosta a loro dedicate, si piazzano nell’unico parcheggio a ridosso del centro storico. Non c’è nessun progetto e non mi risultano previsti finanziamenti di alcun tipo che puntino ad ampliare il parcheggio del Suffragio. Men che meno si parla di realizzare la più volte promessa area camper”.

“Chi arriva a Narni - prosegue Bruschini - si trova nella situazione di non trovare posto dove sostare ed è costretto a fare diversi giri al Suffragio nella speranza di trovare un varco. Se poi il malcapitato si avventura verso piazza Garibaldi, ecco che l’ingorgo è servito. L’accesso al centro storico, se non è impedito dalla chiusura del varco elettronico, porta questi automobilisti a fare un assurdo percorso lungo via Mazzini e via Gattamelata, dove ovviamente non troveranno alcun parcheggio, e a sbucare di nuovo su via Ferrucci dove, allo stop, saranno obbligati da un segnale a svoltare a destra, ovvero in direzione di quella via Garibaldi percorsa pochi minuti prima. Un giro dell’oca, insomma, che mostra l’approssimazione con la quale viene gestito il traffico all’interno del centro storico. Se, al contrario, il varco elettronico di piazza Garibaldi segna rosso, costringerebbe l’autista ‘straniero’ ad andare dritto, fino a porta Romana, dove sarà costretto a fare inversione e a tornare nel punto di partenza; magari scendendo verso porta Ternana e San Girolamo”.

“La situazione si fa drammatica - conclude Bruschini - quando in piazza Garibaldi arrivano i bus turistici. Manovre complicate e rischio di prendere sotto dei pedoni o investire delle auto, caratterizzano i momenti in cui gli autisti sono costretti a togliersi da quel fazzoletto di strada. In tutta questa situazione, almeno uno spera di trovare un vigile urbano che possa controllare, regolare e suggerire. Ma così non è, perché la nostra bella città ‘turistica’ non ha un vigile fisso che operi nel centro storico. La nostra solerte amministrazione allora cosa fa? Di sicuro pensa a fare cassa. Concentrandosi sulle contravvenzioni stradali fino a prevedere quasi 500mila euro di entrate all’anno. Senza contare il rinnovo dei permessi Ztl che costringerà ogni cittadino a versare nelle casse del comune 57 euro per ogni rilascio con la promessa di razionalizzare il loro numero e di creare degli spazi in centro storico delimitati da nuova segnaletica verticale e orizzontale, solo ad essi riservati. Eppure ci sarebbero i 16 milioni di Pnrr in arrivo, che, però non prevedono nemmeno un euro per ampliare il Suffragio, non prevedono un punto di sosta per gli autobus turistici e non pensano a come far parcheggiare i camper in arrivo da fuori. In queste condizioni, come pensiamo di poter invitare altri turisti a venire a visitare la nostra città? Quali infrastrutture ricettive gli offriamo?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Pochi parcheggi, disagi per camper e autobus: Narni è una città prigioniera del traffico”

TerniToday è in caricamento