rotate-mobile
Narni Narni

Comune di Narni, la Lega "confonde" gli assessori: “Imbarazzante non avere contezza delle deleghe”

“Ricordiamo ai disorientati esponenti della Lega che la Regione Umbria, da oltre tre anni, non solo ha una Presidente espressione del loro partito, ma anche due assessori e ben sette consiglieri regionali” le parole di Luca Tramini (M5S)

Una gaffe. Che non poteva non provocare delle reazioni. A commetterla sono stati alcuni esponenti della Lega che hanno fatto confusione quando si è trattato di collegare i nomi degli assessori narnesi con le deleghe che gli sono state assegnate. Così Luca Tramini per gli esponenti della Lega è diventato - secondo la Lega narnese - il responsabile dell'Ambiente, quando quest'ultimo settore fa capo a Giovanni Rubini. Una gaffe bella grossa insomma, che ha fatto passare in secondo piano il motivo per il quale la Lega era intervenuta su questioni ambientali. Nella fattispecie David Veller, referente provinciale della Lega Terni, Tiziana Mella, segretario della sezione Lega Narni-Flaminia e di Ambra Giacomelli, presidente del consiglio comunale di San Gemini e membro del direttivo di sezione Lega erano intervenuti qualche giorno fa annunciando la possibile realizzazione di un nuovo biodigestore nelle campagne comprese tra Narni Scalo e Sangemini.

"Un impianto del genere nel nostro comprensorio – affermavano i leghisti - sarebbe altamente impattante sull’ambiente e sulla salute dei cittadini ed oltre al non trascurabile aspetto ambientale, non sarebbe neanche conveniente dal punto di vista economico, in quanto in questa zona insistono altri due biodigestori. Auspichiamo che il comune di Narni si mobiliti affinché questa struttura non venga realizzata. Davvero l’assessore all’ambiente Luca Tramini del M5S, partito che del green ha fatto la sua missione, insieme alla giunta – avevano concluso i referenti del carroccio - vuole che Narni diventi la capitale dei biodigestori ed il punto di riferimento per il conferimento dei rifiuti di tutto il centro Italia?".

La risposta

“È imbarazzante - afferma l'assessore Luca Tramini - che gli esponenti della Lega non abbiano contezza delle deleghe assessorili del Comune di Narni. Quella all’Ambiente è stata infatti conferita dal sindaco Lucarelli, sin dall'inizio della consiliatura a maggio 2022 e quindi ben sei mesi fa, all’assessore Rubini del PD e non all'assessore Tramini del M5S”.

“Dopo che la Lega ha trasformato la Conca ternana nella cloaca maxima dell’Umbria - continua Tramini - sostenendo e finanziando attraverso il Pnrr il polo per il trattamento dei fanghi di fogna dell’intera regione, i militanti territoriali non hanno ancora capito a chi è in capo l’iter di autorizzazione di questi impianti. Ammesso e non concesso che siano stati proprio loro a scrivere la nota, ci sarebbe quasi da credere che la Lega ritenga i reflui fognari un patrimonio territoriale mentre aborrisca gli altri materiali putrescibili. Ricordiamo ai disorientati esponenti della Lega che la Regione Umbria, da oltre tre anni, non solo ha una presidente espressione del loro partito, ma anche due assessori e ben sette consiglieri regionali. E non crediamo serva ribadire che i processi di informazione, programmazione, decisione e autorizzazione in materia di rifiuti sono in capo a loro e agli alleati di maggioranza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Narni, la Lega "confonde" gli assessori: “Imbarazzante non avere contezza delle deleghe”

TerniToday è in caricamento