OrvietoToday

Orvieto, ci sono spazi alternativi alle scuole per i seggi elettorali. La mozione della consigliera Croce

Dopo la resa della sindaca Tardani sull'ipotesi di trasferimento straordinario dei seggi elettorali dalle scuole, arriva la mozione urgente della consigliera Cristina Croce che costringe la giunta a valutare l'uso di edifici pubblici vuoti.

"Ad Orvieto vi sono numerosi locali ed edifici, alcuni di questi ad oggi neanche utilizzati, (a titolo meramente esemplificativo: centro storico: Palazzo del Popolo, Palazzo dei Sette; Ciconia: Centro anziani, Casa del Popolo, Bocciofila; locali ex Geometri; Sferracavallo: Circolo anziani, casa parrocchiale, ludoteca; Orvieto Scalo: ex scuola elementare; prefabbricato ecc) che, con appositi accorgimenti, potrebbero ben fungere da seggi elettorali evitando di andare ad aggravare la gestione degli spazi scolastici già di per se particolarmente complessa nel momento attuale". 

Questo il senso della mozione della consigliera Cristina Croce, capogruppo della lista "Siamo orvieto", che è stata inviata con urgenza alla presidenza del consiglio comunale in risposta alla resa della sindaca Tardani sull'ipotesi di trasferire i 18 seggi ancora in ballo dalle scuole ad altri edifici pubblici della città. 

Nel documento, la consigliera Croce mette in evidenza come l'emergenza sanitaria da covid-19 abbia rimescolato le carte in tavola nella regolare organizzazione delle iniziative elttorali, ritenendo non idoneo l'impiego degli istituti scolastici, già fortemente riorganizzati nella logistica, per le attività di voto.  "L’Istituto Comprensivo Orvieto Baschi - scrive la consigliera - dopo apposita deliberazione del consiglio, ha richiesto al comune di Orvieto di reperire spazi alternativi a quelli della scuola per lo svolgimento delle suddette elezioni; richiesta che ha già trovato risposta positiva da parte del Sindaco di Baschi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un precedente, quello di Baschi, che secondo la consigliera Croce rappresenta un modello operativo per individuare spazi "più idonei per l’organizzazione dei seggi relativi al referendum del 20 e 21 settembre evitando così che vengano utilizzate le aule delle scuole del comprensorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre a Terni: “Il punto vendita di intrattenimento più grande del centro Italia”. Dalle difficoltà del Covid al coraggio di investire

  • Nasce il primo ristorante fantasma in città. L’idea di un giovane ternano: “Voglio contribuire al rilancio del nostro territorio”

  • Donna trans accoltellata di notte nella sua abitazione in via Battisti. Ricoverata al Santa Maria

  • Una gita a Terni che è valsa due multe in un minuto. L'indignazione di un turista: "Mi appellerò al prefetto"

  • Valigie di droga dal Pakistan a Terni. Decapitata la cupola dei signori dell'eroina

  • Bliz della squadra mobile, vasta operazione antidroga a Terni: “Indagine articolata e complessa iniziata oltre un anno fa”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento