rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Orvieto Orvieto

Orvieto, oltre 2 milioni di euro per una riserva idrica in caso di siccità: partiti i lavori per un nuovo invaso

L’opera, realizzata dal consorzio Tevere-Nera e finanziata con fondi ministeriali, sarà ultimata entro l’anno: “Progetto di ampio respiro che vede la luce in tempi record”

Partiti i lavori di realizzazione di un ulteriore invaso del Consorzio di Bonifica Tevere Nera. Si tratta di una struttura che questa volta sarà ospitata nel comune di Orvieto. L’opera occuperà una superficie di 2 ettari e 700 metri. Servirà a stoccare acqua direttamente dalla diga di Corbara e fungerà da punto di raccolta dell’acqua piovana. Insomma una vera e propria riserva idrica in caso di siccità.

La presentazione delle specificità della vasca si è svolta nella sala consiglio del Comune di Orvieto, alla presenza del sindaco, Roberta Tardani, del presidente del Consorzio di Bonifica Tevere Nera, Massimo Manni e della direttrice del Consorzio, Carla Pagliari. Sono invece entrati nel dettaglio dei lavori l’ingegnere del consorzio Tevere Nera, Cristian Buconi e il geometra Andrea Venturi; per conto del Comune l’ingegner Mario Angelo Mazzi.

“Si tratta dell’ennesimo progetto di ampio respiro - ha dichiarato Massimo Manni, presidente del consorzio - che vede la luce in tempi record in termini di messa in opera. Dopo gli invasi di Quadrelletto e Vallantica nel comune di San Gemini ci affacciamo ora su un altro territorio, quello orvietano. L’obiettivo è riuscire a ridurre il deficit strutturale di mancanza di acqua nel distretto di nostra competenza. Un gap dovuto soprattutto alla significativa rapidità con cui i cambiamenti climatici stanno investendo e mutando il mondo agricolo, le nostre terre, le nostre colture”.

La direttrice del consorzio, Carla Pagliari, ha evidenziato: “L’opera, in fase di realizzazione, andrà a beneficio di tutto il territorio orvietano. Servirà infatti non solo a stoccare acqua per gli agricoltori della zona ma anche a recuperare l’acqua piovana. Acqua che, ormai in quasi tutta Italia, perdiamo in percentuali ancora molto alte. L’invaso è l’ennesima risposta concreta al contrasto dei cambiamenti climatici e alle scarse precipitazioni”.

L’intervento, che sarà ultimato entro l’anno, è stato finanziato con fondi Masaf (Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste) per un importo di 2 milioni e 800 mila euro.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orvieto, oltre 2 milioni di euro per una riserva idrica in caso di siccità: partiti i lavori per un nuovo invaso

TerniToday è in caricamento