rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
zone Lugnano in Teverina

La villa dei “misteri” diventa un docufilm: ecco la storia di Poggio Gramignano

Tra scienza e romanzo, la presentazione del lavoro finanziato dal professor David Soren è in programma giovedì 25 aprile alle 16 nella sala del Consiglio di Lugnano in Teverina. Tra i protagonisti l’archeologo Roberto Montagnetti

Verrà presentato giovedì prossimo, 25 aprile alle 16, in sala del Consiglio a Lugnano in Teverina, il docufilm sulla villa romana di Poggio Gramignano. Il documentario è stato finanziato dal professor David Soren, l’archeologo statunitense dell’Università dell’Arizona che nel 1988 iniziò la campagna di scavi portando alla luce importanti scoperte fra cui la villa rustica del primo secolo avanti Cristo e la necropoli dei bambini, imponendo Poggio Gramignano come uno dei siti archeologici più importanti dell’Umbria.

Fra i protagonisti del docufilm anche Roberto Montagnetti, l’archeologo lugnanese che ha costruito la sua professione proprio fra le rovine della villa romana. Il docufilm contiene una parte scientifica e una parte romanzata, con alcune ricostruzioni 3D che riproducono il sito dell’antica Lugnano e dove lo stesso Montagnetti interpreterà se stesso nel ruolo di archeologo. Le riprese sono state realizzate la scorsa estate e hanno coinvolto la comunità lugnanese, tanto che la maggior parte degli attori e delle comparse, in particolare i bambini, sono lugnanesi.

Lo staff di archeologi Usa ed italiani continuano nel frattempo a lavorare all’analisi dei dati delle campagne di scavo dal 2016 ad oggi che contengono interessanti sviluppi storico-scientifici e che verranno pubblicati entro l’anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La villa dei “misteri” diventa un docufilm: ecco la storia di Poggio Gramignano

TerniToday è in caricamento