rotate-mobile
Provincia Terni Amelia

Addio “zia” Concetta, questa triste notizia proprio non la volevamo sapere

Amelia in lutto per la morte della storica giornalaia di piazza XXI Settembre. Ironica, sempre disponibile e sorridente: il nostro ricordo

Se faccio questo mestiere, il giornalista, un po’ è forse anche “colpa” sua. E delle ore trascorse nell’edicola di piazza XXI Settembre, ad Amelia. Dove oggi si piange per la morte di Maria Concetta Sbaraglia, per tutti – semplicemente – Concetta. Se n’è andata all’alba di oggi, 25 luglio.

Sempre disponibile e sorridente, la sua non era semplicemente un’edicola. Ma un “ombelico”, un po’ crocevia e un po’ luogo di incontro. Da lì passavano tutti, per il giornale o la rivista oppure semplicemente per farsi due chiacchiere. Il sindaco, i vigli urbani, il pensionato, la mamma coi bambini per l’album delle figurine. Tornare indietro con la memoria a quelle giornate è un po’ come sfogliare un album dei ricordi, sbiaditi eppure indelebili.

Ci univa un qualche legame familiare – robe di nonne, zie e cugini – ci univa una frequentazione che era assidua. Con Anna Rita, con Pierpaolo, i suoi due figli. Meno con Claudio, il marito, scomparso ormai da qualche anno. Ci univano quei momenti passati insieme come le serate durante le feste di Natale a giocare a mercante in fiera. Ci univano quei pomeriggi, o quelle mattine, in cui mi imbucavo lì dentro. Sfogliavo i giornali, guardavo il mondo da una prospettiva diversa.

Trenta e forse più anni fa. E visto che ormai di tempo ne è passato un bel po’, posso anche confessare che un occhio alle riviste “vietate” – che stavano nelle vetrine posteriori dell’edicola - l’avrò anche buttato. E mi ricordo che proprio Anna Rita, parlando di queste cose, mi disse una frase illuminante: “È come se sfogli una rivista di gelati, ma non puoi mangiarne neanche uno. Che senso ha?”.

Istantanee di vita. Come quelle in cui compare il “menestrello” Frolle – chi è di Amelia, sa di cosa parlo – o Gismondo o ancora Massimo Catalano, il trombettista dei Flipper e poi pianista per una vita al Maurizio Costanzo Show. E ancora, tutta quella lunga lista di persone, note e meno, che avevano scelto la città dalle mura poligonali come loro seconda casa, come Luciano Lama, una vita nelle lotte sindacali e una seconda vita come sindaco della città.

Insomma, con Concetta - per me, zia Concetta – se ne va un pezzo di storia. Importante, ricca. Se va un pezzo di cuore. Un altro pezzo di cuore. Ad Anna Rita, Pierpaolo e tutta la sua famiglia le mie e le nostre condoglianze. E anche un “grazie” per quei giorni così belli.

   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio “zia” Concetta, questa triste notizia proprio non la volevamo sapere

TerniToday è in caricamento