Provincia TerniToday

Buoni spesa, l’accusa del Pd: il Comune ha ancora i soldi, ma la procedura per l’assegnazione è ferma

Amelia, polemica dei dem: ci sono risorse disponibili per 40mila euro, da tempo segnaliamo numerose criticità. L’amministrazione metta i fondi a disposizione dei cittadini

Il Partito democratico di Amelia, e il gruppo consigliare Vivere Amelia, fanno i conti in tasca all’amministrazione sulla questione buoni spesa. E attaccano: “Ad una settimana di distanza dalla chiusura dei termini (16 aprile) per accedere ai buoni spesa, non c’è stata più alcuna comunicazione e nessun dato è stato reso pubblico. Eppure da quanto ci risulta, più della metà dei fondi messi a disposizione per il Comune di Amelia dal Governo per affrontare l’emergenza alimentare, devono ancora essere assegnati. Parliamo di oltre 40.000 euro disponibili nelle casse comunali”.

Già nelle ore successive alla pubblicazione del bando da parte di Palazzo Matteotti, il Pd aveva manifestato una serie di perplessità sui criteri di assegnazione dei buoni spesa.

“Se ci fosse stata data la possibilità, avremmo proposto di alzare la quota minima per nucleo familiare richiedente fino a 200 euro (più 50 per ogni componente aggiuntivo). Una somma che avrebbe permesso un minimo di liquidità a chi non ha nulla, ma l’Amministrazione ha voluto intestarsi il tutto chiudendosi a riccio”.

Critiche sono piovute anche su uno dei criteri per accedere al fondo, ossia il limite della disponibilità sul conto corrente bancario del richiedente fissato in duemila euro, che viene definito “sbagliato ed eccessivamente restrittivo per individuare reali stati di bisogno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora, sul piatto la questione si ripropone: i soldi in cassa ancora ci sono. E il Pd pone tre questioni: “In che modo l’Amministrazione intende redistribuire tali risorse? Intende rivedere i termini previsti inizialmente, sui quali peraltro, segnaliamo da tempo le criticità? Intende agire per mettere a disposizione dei cittadini queste risorse oppure no?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Primario del Santa Maria di Terni positivo al covid-19. Tamponi a tappeto

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento